MotoGP, Quartararo "spinge fuori" Rossi dal team ufficiale Yamaha

Fabio affiancherà per due stagioni Maverick Vinales, nel bienno 2021 - 2022. Il posto di Valentino salta e dal numero 46 si attendono ora notizie sul suo futuro agonistico.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

Dopo la news di Vinales in Yamaha sino al 2022, la MotoGP lancia anche Quartararo nello stesso team di Maverick. Dal 2021, precisiamo. Adesso Fabio è ancora con Petronas, formazione "satellite" di Iwata, ma tra un anno andrà nella squadra factory, affiancando il catalano numero 12. Con questa mossa, Valentino Rossi salta. Anche se il numero 46 non ha ancora svelato i suoi piani futuri, la matematica non è una opinione. Nella struttura più legata al marchio giapponese, non ci sarà posto per The Doctor.

Già nel 2019, i vertici dei tre diapason erano molto interessati al francese, detto anche "El Diablo" che, in effetti, ha fatto il diavolo a quattro a molti rivali. Il Rookie Of The Year della Top Class era il pezzo pregiato del mercato pilota ed in Yamaha hanno pensato bene di tenerselo stretto.. Scommettiamo che, se potessero, nel team ufficiale schiererebbero Quartararo già in questo 2020. Ma non possono farlo.

Rossi ha un contratto valido sino a fine stagione e vuole onorarlo. Giustamente. Dopo, che farà? Ci sono tante ipotesi, ma sono solo belle parole. Ciò che è sicuro è la seguente notizia: Rossi rischia di ritirarsi a fine anno. A meno che, Valentino non faccia cambio di sella proprio con Fabio. Questa possibilità verrebbe concretizzata anche per favorire l'ascesa in MotoGP di Luca Marini, fratello di Rossi. Dopo i fratelli Marquez, avremmo pure una seconda famiglia di campioni nello stesso box.

Secondo anno in MotoGP per Fabio Quartararo
Quartararo in azione con la Yamaha MotoGP

MotoGP, il team Yamaha è fatto: Vinales e Quartararo insieme. Rossi si ritirerà?

Valentino, che farai l'anno prossimo? Non è presto per chiederselo: nello sport a motore le programmazioni avvengono con buon anticipo, per tutta una serie di motivi. Sponsor, sviluppo del mezzo - moto o auto - organizzazione del lavoro. Ecco perché annunciare già Vinales e Quartaro nel team Yamaha ufficiale del 2020. Chi spende soldi deve sapere come stanno le cose, cioè, a chi saranno destinati e quali risultati saranno possibili.

In effetti, la coppia Maverick - Fabio promette bene. Giovani entrambi, "calienti" in sella, vogliosi di battere Marquez. Tutto bene. Spingendo fuori Rossi, la squadra avrà una immagine rinnovata, senza tirare in ballo inutili paragoni. Rinnovata e basta. Per il resto, impossibile fare pronostici. La pista dirà se le scelte siano giuste o meno. Nel frattempo, i giornali ed i siti specializzati impazziscono.

Impazziscono, perché? Non è stato detto tutto? No, resta da scrivere il futuro di Valentino. In questo momento, saltano fuori tante illazioni. Rossi va di qua, no finisce di là. Anzi, smette. O meglio, diventa team manager. Sarebbe bello vedere il campione italiano ancora in sella, ma questo dipende da lui, dalle sue motivazioni. Se c'è un corridore che non abbia niente da dimostrare, è proprio VR46. Il paddock della MotoGP lo sa, ma attende comunque notizie.

Rossi: "Voglio essere competitivo e continuare la mia carriera come pilota MotoGP anche nel 2021"

Queste la parole di Valentino Rossi:

Per motivi dettati dal mercato dei piloti, la Yamaha mi ha chiesto all’inizio dell’anno di prendere una decisione in merito al mio futuro. Coerentemente con quello che ho detto durante l’ultima stagione, ho confermato che non volevo affrettare alcuna decisione e avevo bisogno di più tempo. Yamaha ha agito di conseguenza e ha concluso i negoziati in corso. È chiaro che dopo gli ultimi cambiamenti tecnici e con l’arrivo del mio nuovo capo nel team, il mio primo obiettivo è essere competitivo quest’anno e continuare la mia carriera come pilota MotoGP anche nel 2021. Prima di farlo, devo avere risposte che solo la pista e le prime gare possono darmi. Sono contento che, se dovessi decidere di continuare, Yamaha è pronta a supportarmi sotto tutti gli aspetti, dandomi una moto di serie e un contratto di fabbrica. Nei primi test farò del mio meglio per fare un buon lavoro insieme al mio team ed essere pronto per l’inizio della stagione

Jarvis: "Supporteremo Valentino qualunque decisione prenda"

Così invece il managing director Lin Jarvis:

Yamaha rispetta e accetta con tutto il cuore la decisione comprensibile di Valentino di valutare la sua competitività nel 2020 prima di prendere una decisione nel 2021. Pur avendo totale rispetto e fiducia nelle capacità e nella velocità di Valentino per il campionato 2020, allo stesso tempo la Yamaha deve pianificare anche il futuro. Oggi, con sei case motociclistiche nella classe MotoGP, i giovani talenti veloci sono molto richiesti e di conseguenza il mercato dei piloti inzia sempre prima. È quindi una strana sensazione iniziare una stagione sapendo che Vale non sarà nel Factory Team nel 2021, ma la Yamaha sarà ancora lì per Valentino, qualunque cosa deciderà per il futuro. Se si sentirà sicuro di sé e continuerà a correre, gli forniremo una M1 con specifiche ufficiali e un supporto tecnico completo. Se deciderà di ritirarsi, continueremo ad ampliare le nostre collaborazioni fuori pista con i programmi di allenamento dei giovani piloti della Riders Academy e del Master Camp Yamaha VR46, e con lui come ambasciatore del marchio Yamaha. In ogni caso, queste sono solo speculazioni, in questo momento abbiamo un'intera stagione davanti a noi e posso assicurare ai tifosi che Valentino avrà il nostro supporto al 100% ogni giorno fino a quando deciderà di appendere la sua tuta al chiodo

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.