Quando Kobe Bryant raccontava il suo amore per l'Italia

Tornano d'attualità le parole della leggenda dei Lakers pronunciate durante una visita nella sua Reggio Emilia.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

A distanza di due giorni dalla tragica scomparsa di Kobe Bryant, tornano d'attualità le parole pronunciate dalla leggenda dei Lakers nel luglio 2016 durante una visita nella sua Reggio Emilia. Durante quella chiacchierata con Basketime, Black Mamba parlava così del suo amore per l'Italia: 

La mia storia è cominciata da questa città. Andavo a scuola qui vicino. Il mio sogno è iniziato a Reggio e io sono la dimostrazione che tutti i sogni si possono realizzare. Perché sono così legato a Reggio? Perché ho tantissimi ricordi speciali. Qui potevo girare in bici, andare a mangiare un gelato con i miei amici. Sensazioni bellissime. Quando stavamo arrivando, poco fa, ero in auto e dicevo, con i miei accompagnatori: avreste mai pensato che uno dei migliori giocatori della NBA potesse crescere qui? Non c’è niente di più lontano da Los Angeles. Vuol dire che ogni sogno è possibile. È difficilissimo, per qualcuno che vive negli Stati Uniti, capire quanto è differente la vita in questa città e l’amore che c’è a Reggio. Le mie figlie, negli Stati Uniti, non possono avere le cose che ho avuto io: piccole, ma normali. Stare in giro con gli amici, ridere e scherzare. E così si perdono tanti momenti belli. A me dispiace perché questo è importante. Non posso neppure spiegarglielo perché non riuscirebbero a comprendermi. Non l’hanno mai visto, non possono viverlo e non se ne rendono conto. Il ricordo più bello? Non è un ricordo di basket. Avevamo fatto uno spettacolo dopo la scuola, quando avevo 12 anni, e io e mia sorella dovevamo fare un ballo. Ci siamo preparati e allenati, c’era tutta la città a guardarci. Fu molto divertente ed è un bellissimo ricordo

Kobe arrivò in Italia all'età di 6 anni giocando prima a Rieti e poi trasferendosi a Reggio Emilia, dove ha vissuto dal 1989 al 1991. Il Belpaese è stato una presenza costante nella sua vita anche una volta trasferitosi a Los Angeles. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.