Kobe Bryant, l'indagine sull'incidente: il pilota voleva evitare nubi

Il pilota si stava alzando perché voleva evitare lo strato di nubi ed era volato a un'altezza di 701 metri.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Le indagini sull'incidente aereo che ha sconvolto il mondo dello sport vanno avanti. La morte di Kobe Bryant è alla ricerca di risposte e le prime stanno cominciando ad arrivare.

Come riferito dagli investigatori, che parlano di una scena dell'incidente devastante, le ultime comunicazioni del pilota dell'elicottero che si è schiantato e ha causato il decesso della leggenda Nba e di altre otto persone, tra cui la figlia, indicano infatti che il velivolo stava salendo di quota per evitare uno strato di nubi.

Poco prima dell'impatto, lo stesso pilota aveva richiesto un'autorizzazione speciale per passare nella fitta nebbia quando era a un'altezza di 427 metri, richiedendo ai controlli di volo di fornire un collaboratore.

Kobe Bryant, l'indagine sull'incidente

La risposta era stata che era troppo basso, così quattro minuti più tardi l'uomo alla guida dell'elicottero sul quale c'erano Kobe Bryant e altre 7 passeggeri ha comunicato di essere in procinto di alzarsi per evitare il fitto strato di nubi.

Nel momento in cui gli è stato domandato cosa intendesse fare, non sono più arrivate risposte da parte sua e il data dei radar riportano che il velivolo avesse raggiunto l'altezza di 701 metri prima di iniziare inesorabilmente a precipitare verso sinistra, arrivando drammaticamente a contatto con il suolo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.