Inzaghi: "Roma da rispettare, ma gioco per vincere"

Il tecnico: "Arriviamo delusi e arrabbiati dopo martedì".

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

Una Lazio delusa e arrabbiata quella che si presenterà domani in campo contro la Roma, nel derby della Capitale, parola di Inzaghi. Il tecnico ha parlato in conferenza stampa alla vigilia, partendo proprio dalla Coppa Italia: 

Sappiamo cosa rappresenta il derby, per noi e per la tifoseria. Ci arriviamo delusi e arrabbiati per quello che è successo martedì in Coppa, abbiamo perso una gara che non meritavamo di perdere. Siamo usciti da una competizione che per noi è importante. 

Su una vittoria che aumenterebbe il gap con la Roma: 

Sarebbero tre punti importantissimi. Sappiamo che da qui in poi ci aspettano 19 finali, da vivere una dopo l'altra. Il pari? Il derby bisogna giocarlo e vincerlo. Affrontiamo una squadra che sta facendo un ottimo percorso, Fonseca è molto preparato e, nonostante gli infortuni, ha sempre messo in campo formazioni competitive.

Sul fatto che possa essere il derby più importante: 

Tutti i derby sono importantissimi, anche questo. Dopo domani ci saranno altre 18 gare, tutti i derby sono un'emozione particolare, sia da calciatore che da allenatore. Mi preme che i giocatori siano pronti. Tutti lo hanno già giocato, conoscono il significato del match. Dobbiamo avere lucidità, gli episodi possono capovolgere tutto da un momento all'altro.

Sui dubbi di formazione: 

In testa ho qualcosa ma mancano ancora due allenamenti. Correa sta meglio ma Caicedo non ha mai fatto sentire la sua assenza. Immobile viene da quattro gare consecutive da 90 minuti, dovrò valutare. In mezzo, Parolo a Napoli è stato uno di quelli che ha giocato meglio. In difesa a destra non avremo ancora Marusic e mi toglie la rotazione con Lazzari, che sta facendo benissimo. Da Luis Alberto e Correa ho avuto buone risposte, entrambi dovrebbero essere della partita.

Su chi ha più da perdere in caso di sconfitta: 

Sappiamo cosa rappresenta la partita e sappiamo anche che, dopo questa, ci saranno altre 18 gare. Vincere sarebbe un gran passo avanti ma il derby è una gara a sè. Ho chiesto alla squadra di essere lucida e capire i momenti della partita.

Sulla preoccupazione di arrivare da favorito al derby: 

Rispetto a fine agosto abbiamo più certezze, ma i pronostici si azzerano. Non dobbiamo avere paura di nessuno ma solo rispetto. La Roma ha vinto una partita importante e difficile a Genova, dopo quella di Coppa Italia di giovedì.

Sugli errori da evitare: 

È una gara particolare, ci sono giocatori che hanno giocato tanti derby. Questa settimana è stata diversa, c'è stata la Coppa Italia martedì e mercoledì. Ogni giocatore si prepara a modo suo, io ho solo chiesto lucidità perchè ci sarà tantissima pressione. Dovremo essere sempre dentro la gara a livello mentale.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.