Milan, Pioli: "Non abbiamo ancora fatto nulla. Ibra ha fatto bene a tutti"

Le parole del tecnico rossonero alla vigilia della sfida sul campo del Brescia valida per la 21esima giornata di Serie A.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Alla vigilia di Brescia-Milan, match della 21esima giornata di Serie A, ha parlato così in conferenza stampa il tecnico dei rossoneri Stefano Pioli: 

Facciamo più punti in trasferta che in casa? I numeri non mentono. L'interpretazione delle gare esterne è positiva, dobbiamo continuare così. Non abbiamo fatto ancora nulla, c'è tanta strada da fare. La classicia? Sì, è ancora appesa a Milanello e lo sarà fino alla fine. Noi non lavoriamo per pettinare le bambole, l'obiettivo è migliorare la classifica e portare il Milan dov'è sempre stato. Dobbiamo pensare che ogni partita sia la più importante per il futuro. È l'unico modo per svoltare. Non è il momento di pensare a dove saremo il 24 maggio, dobbiamo tenere la testa sul manubrio e continuare a crescere, rafforzando le cose positive fatte finora e migliorando le situazioni in cui siamo andati un po' in difficoltà. Pensiamo solo a domani, cercando attraverso la prestazione di migliorare la classifica

Sull'assenza di Balotelli: 

Senza di lui perdono la possibilità di avere giocate individuali importanti. Ma avranno ancora più compattezza e dinamismo, ci aspettiamo un avversario determinato che giochi per un obiettivo importante

Sul mercato, su Tonali e su Ricardo Rodriguez in uscita: 

Non sarò io a dare aggiornamenti sul mercato. Rodriguez ha avuto un problema fisico che sembra superato, quindi dovrebbe rientrare tra i convocati. A me interessa che la squadra resti concentrata, senza perdere energie su cose che nemmeno io posso controllare. Tonali? Un giocatore con grandissime qualità e prospettive, bisogna prenderlo in grande considerazione in vista di domani

Su Suso e Paquetá:

Suso si sta allenando benissimo, quindi è disponibile per giocare. Paquetá via? Manca ancora molto alla fine del mercato. Tutti i giocatori che sono qui sono molto disponibili, partecipi, attenti. Lucas lo è, come gli altri pensa di poter giocare e quando non ci riesce non è soddisfatto. Ma quando si lavora bene si è poi pronti per giocare. Lucas deve avere la convinzione di essere un giocatore completo, di qualità e quantità. Deve diventare determinante per la qualità che ha, segnando o facendo segnare i compagni. Ha fatto bene per volume di gioco, ma è mancato nella giocata vincente

Sul rinato Rebic:

Credo che dipenda tutto dall'atteggiamento che si ha. Se si lavora con convinzione, anche subendo le scelte che non vanno nella tua direzione, poi quando vieni chiamato in causa sei pronto. Io devo scegliere la squadra che mi dia più garanzia. Ci sono 24 giocatori che si allenano bene. I calciatori non devono subire contraccolpi troppo importanti. I primi undici sono importanti come quelli che subentrano, l'atteggiamento è migliorato e vinciamo le partite anche per questo. Siccome vogliamo migliorare, bisogna continuare così. Chi ha questo atteggiamento dimostra che questo è il modo giusto di lavorare

Sulle ultime vittorie:

L'importante è che siano arrivate attraverso le prestazioni. Abbiamo fatto molte cose positive, molte altre le dobbiamo migliorare per avere una posizione più alta in classifica. Servono risultati per avere maggiore fiducia. Solo con una mentalità positiva e convinta possiamo sperare di fare un grande girone di ritorno

Su Ibrahimovic:

È un valore aggiunto, per lo spessore e la presenza che mette nella partita, per l'atteggiamento e la professionalità che mette nel quotidiano. Ha fatto molto bene alla squadra. Non sono sorpreso di tutto questo, parliamo di un campione tra i migliori giocatori al mondo dell'ultimo decennio, mi aspettavo molto da lui. Ho trovato una persona disponibile e intelligente. È entrato con curiosità, ha studiato prima e ora è più consapevole di ciò che può e deve fare

Sulle parole di Castillejo ("abbiamo mangiato tanta me**a"):

Credo che ciò che abbia detto Castillejo debba essere uno stimolo per la nostra squadra. È vero che abbiamo passato dei momenti difficili, uno dei nostri obiettivi deve essere dimostrare che abbiamo comunque lavorato e che abbiamo le qualità giuste per essere qui

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.