Roma, Politano sfuma: parte la caccia al nuovo esterno offensivo

Petrachi al lavoro per trovare il sostituto di Zaniolo: Vazquez e Shaqiri più lontani, Januzaj la pista più concreta. Ma spunta il giovane Dilrosun: prima offerta all'Hertha.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dopo aver accarezzato, e per certi versi festeggiato in anticipo, il tanto sognato ritorno a Roma, Matteo Politano ha lasciato la Capitale per rientrare a Milano: il mancato accordo con l'Inter, che non era più convinta di tesserare Leonardo Spinazzola, ha fatto sì che l'esterno offensivo percorresse la strada inversa, in lacrime, rientrando suo malgrado alla base. Poco male, perché Beppe Marotta ha già trovato una soluzione: dopo gli arrivi di Diego Demme e Stanislav Lobotka, Politano sarà il terzo innesto di mercato del Napoli. L'esterno si trasferirà in azzurro in prestito per 18 mesi con obbligo di riscatto fissato a 25 milioni di euro.

Addio Roma, quindi. I giallorossi, però, devono sempre sostituire Nicolò Zaniolo, la cui stagione è terminata anzitempo a causa del brutto infortunio patito nel match contro la Juventus. Petrachi è al lavoro da tempo per consegnare a Fonseca il profilo adatto a soddisfare le esigenze dello stesso allenatore. Dopo aver salutato definitivamente Politano, l'ex direttore sportivo del Torino si è buttato a capofitto su Adnan Januzaj, esterno offensivo della Real Sociedad che, a San Sebastian, non sta trovando molto spazio. Il belga, che qualche anno fa era considerato uno dei nuovi astri nascenti del calcio mondiale, fatica a imporsi nelle gerarchie di Alguacil, ma nella partita di Copa del Rey è stato comunque mandato in campo.

Il fatto è che, nonostante sia molto stimato dalla Roma, Januzaj ha un costo che andrà seriamente ponderato: secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, il classe 1995 verrebbe valutato circa 18 milioni di euro, il 30% dei quali finirebbe nelle casse del Manchester United, che al momento della cessione si era assicurato una percentuale sulla futura rivendita. Il belga è stato offerto a tanti club: nonostante sia in cima alla wishlist di Petrachi, infatti, qualora si tentasse l'affondo decisivo bisognerà poi ragionare anche sull'ingaggio. E qui, la Roma, non può esporsi esageratamente.

Calciomercato Roma obiettivi fascia
Javairo Dilrosun, esterno offensivo classe 1998 dell'Hertha Berlino: l'olandese piace alla Roma, che avrebbe già mandato avanti una prima trattativa per averlo a gennaio. Si discute sulla formula, ma è la prima alternativa a Januzaj

Roma, casting per l'esterno: piace Januzaj, Dilrosun è il nome nuovo

Januzaj rimane comunque un obiettivo abbastanza concreto. Meno facile sarà arrivare a uno tra Xherdan Shaqiri e Lucas Vazquez. Partiamo col dire che entrambi non sono (più) indispensabili all'interno dei rispettivi club, il che li rende molto appetibili sul mercato. La Roma, come nel caso del belga, vorrebbe però chiudere le eventuali trattative sulla base di un prestito con diritto, o al massimo obbligo, di mercato, mentre Liverpool e Real Madrid sono intenzionate a monetizzare subito la cessione dei propri calciatori. Li volete? Parliamone, ma a titolo definitivo.

Così, in tempi di carestia, ci si deve inventare qualcosa. Il nome nuovo arriva dalla Germania: si tratta di Javairo Dilrosun, esterno mancino classe 1998 attualmente in forza all'Hertha Berlino, club col quale in stagione ha messo insieme 15 presenze, corredandole da 3 gol e 2 assist. Olandese di nascita, ha giocato nelle giovanili di Ajax e Manchester City prima di passare, nell'estate del 2018, al club tedesco da svincolato. Il suo agente sarebbe già stato in sede: la Roma, per tesserarlo, ha offerto un prestito con obbligo di riscatto legato alle presenze, mentre i dirigenti dell'Hertha preferirebbero una cessione incondizionata a titolo definitivo.

All'orizzonte, ma più per l'estate, si staglia la figura di Suso, per il quale Petrachi ha un debole e non da oggi. Lo spagnolo viene valutato sui 40 milioni di euro dal Milan, che starebbe cercando di cederlo per poi piazzare un paio di entrate prima del gong di fine mese. Il problema, oltre alla combo micidiale - cartellino - ingaggio, è che Suso sta facendo una cernita delle offerte che gli arrivano. Vorrebbe continuare a giocare ad alti livelli e i giallorossi, almeno per ora, parrebbero non convincerlo molto. Poco male, perché di lui ci sarà modo di ragionare più avanti, quando le acque si saranno calmate e le priorità saranno differenti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.