Coppa Italia, la moviola di Napoli - Lazio: serata difficile per Massa

Due espulsioni, un rigore e due gol annullati nel primo quarto di finale di Tim Cup. Partita nervosa, ma il fischietto di Imperia si inventa il rosso a Lucas Leiva.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dopo 11 vittorie che alimentano giustamente i sogni Scudetto, la Lazio torna a perdere. Succede durante un anonimo martedì di fine gennaio, con i biancocelesti regolati 1-0 dal Napoli nella sfida valevole per i quarti di finale di Coppa Italia, un match che per la banda Gattuso significa tornare a respirare dopo le quattro sconfitte (nelle ultime cinque partite giocate) in campionato. La rete di Insigne, tornato a brillare dopo un periodo poco positivo, permette ai partenopei di conquistarsi la semifinale contro una tra Inter e Fiorentina. Simone Inzaghi, invece, mastica amaro per le tante occasioni avute e non sfruttate dai suoi ragazzi.

Serata complicata per l'arbitro Davide Massa, che ultimamente aveva già avuto qualche problema in campionato. Il fischietto di Imperia viene messo subito sotto pressione in avvio di match, visto che dopo 8 minuti concede un calcio di rigore alla Lazio su un'azione abbastanza contestata dai napoletani. La dinamica, almeno al rallentatore, sembrerebbe abbastanza chiara: Hisaj interviene scomposto su un pallone vagante e scalcia il fianco di Caicedo. Massa indica il dischetto e il VAR conferma, ma le proteste dei difensori fanno tardare l'esecuzione di un penalty che, in un secondo momento, verrà fallito da Immobile.

Dopo aver ammonito Acerbi a causa di un'evitabile trattenuta, intorno al 20esimo arriva il cartellino rosso per il terzino albanese: Hisaj, già ammonito, ferma una ripartenza di Immobile intervenendo in maniera netta sull'uomo, ma il Napoli - a gioco fermo - protesta per un presunto fallo di mano di Acerbi in area di rigore. Così Massa si reca al VAR, ma conferma la propria decisione iniziale: effettivamente il difensore della Lazio tocca la palla con il braccio, che però è completamente aderente al corpo nel momento in cui Insigne scaglia il tiro dal quale scaturisce il contatto.

Coppa Italia moviola Napoli - Lazio
I giocatori della Lazio si disperano dopo il gol annullato ad Acerbi nel finale: dopo 11 consecutive, la squadra di Inzaghi perde a Napoli e abbandona la Coppa Italia, precludendosi così l'opportunità di poter difendere il titolo vinto l'anno scorso

Coppa Italia, il rosso a Leiva fa discutere: la moviola di Napoli - Lazio

Pochi minuti dopo la Lazio decide di autoflagellarsi, ristabilendo la parità numerica in campo a causa del cartellino rosso comminato a Lucas Leiva. Tutto nasce da un intervento del brasiliano su Zielinski che Massa ritiene falloso: il centrocampista biancoceleste viene ammonito e, sapendo di aver subito un torto, insiste con le proteste, mandando l'arbitro a quel paese. Il secondo giallo sarebbe corretto, se non fosse che l'entrata di Leiva su Zielinski è totalmente regolare, come poi testimonieranno le immagini.

Fanno discutere anche i due gol annullati nel secondo tempo alla Lazio. Il primo episodio arriva al 63esimo, quando il guardalinee strozza in gola l'urlo di gioia di Immobile per un fuorigioco di Milinkovic-Savic. Il secondo, meno netto, si verifica proprio durante l'assalto finale alla porta del Napoli: a segnare il provvisorio 1-1 questa volta è Acerbi, che ribadisce velocemente in porta un tiro di Lazzari ribattuto dal palo. Il VAR conferma però la posizione di partenza irregolare, così Massa annulla la rete e la Lazio, mestamente, vede svanire ogni residua speranza di recupero.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.