Serie A, moviola di Lecce-Inter: Sensi, no rigore. Donati da rosso?

Primo tempo da incubo per il fischietto di Trieste: dubbi sul gol annullato a Lukaku. Inesistente il rigore fischiato al Lecce, per sua fortuna c'è il VAR.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

Partita complicata al Via del Mare per Giacomelli quella tra Lecce e Inter nella sfida che ha aperto il girone di ritorno di Serie A delle due squadre. Tanti episodi e arbitro triestino in confusione soprattutto nel primo tempo. Protestano i nerazzurri per la mancata espulsione di Donati e il gol annullato a Lukaku. Protestano i giallorossi per il rigore dato e poi tolto per il tocco con il braccio di Sensi e per un possibile rosso da comminare a Candreva e non è un caso che tutti questi episodi si siano concentrati nei primi quarantacinque minuti.

Nel secondo tempo, invece, la prestazione dell'arbitro è migliorata e non si segnalano accadimenti degni di nota. La partita del Via del Mare conferma però che Giacomelli non può essere considerato come uno dei migliori interpreti del ruolo a disposizione di Rizzoli. Il primo episodio che ha scatenato diverse polemiche durante e dopo la gara è quello che riguarda il gol annullato a Lukaku per una presunta carica su Gabriel.

È il diciannovesimo minuto del primo tempo, Biraghi crossa da sinistra, l'attaccante belga prende posizione in mezzo all'area, duella con Dell'Orco, l'estremo difensore del Lecce esce e fa sua la sfera che però gli sfugge dopo un contatto con Lukaku e il compagno di squadra, a quel punto il numero nove di Conte raccoglie il pallone e lo deposita in rete. Giacomelli annulla subito, sicuro della sua decisione, l'episodio però non è di semplice lettura: Gabriel sembra perdere la palla prima del contatto con Lukaku che non fa nulla per cercare di ostacolare il portiere avversario. Se il fallo fischiato è la carica su Gabriel, allora Giacomelli ha sbagliato. C'è un però. Dall'inquadratura dietro porta, Lukaku sembra toccare, non intenzionalmente e nella dinamica del movimento, la palla con il braccio prima di girare poi in rete. Se così fosse, questo sarebbe in caso il fallo da fischiare perché come dice il regolamento di Serie A è da sanzionare il fallo di mano se:

Un calciatore tocca intenzionalmente il pallone con la mano o il braccio, compreso se muove la mano o il braccio verso il pallone, ottiene il possesso / controllo del pallone dopo che questo ha toccato le sue mani / braccia e poi segna nella porta avversaria

Serie A, Lukaku e Gabriel in azione
Serie A, la moviola di Lecce-Inter

Serie A, la moviola di Lecce-Inter

La decisione è comunque complicata, il VAR non può intervenire in questo contesto ed è difficile parlare di errore evidente di Giacomelli. Altro caso è quello invece che accade più di un minuto dopo: Donati interviene in modo irruento e scomposto su Barella, il piede a martello del terzino leccese si abbatte sulla tibia del centrocampista nerazzurro. Donati viene ammonito, Giacomelli viene richiamato all'on field review e dopo aver revisionato l'episodio conferma l'ammonizione. Dubbi sul colore del cartellino, il giallo può essere giustificato solo con la non volontarietà del fallo.

Poco dopo la mezzora è il Lecce a protestare. Candreva interviene in modo irruento su Donati, gamba alta che struscia sul volto del giocatore di Liverani. Intervento pericoloso e Giacomelli opta per il giallo. Scelta che sembra tutto sommato corretta, anche se l'esterno interista rischia molto ed è fortunato che l'impatto con Donati non sia "pieno". 

Altro episodio sul finire di primo tempo, un cross spiove da sinistra nell'area interista, Babacar fa sponda e il pallone impatta il braccio di Sensi. Giacomelli, in quel momento a terra dopo essere scivolato, fischia calcio di rigore a favore del Lecce. Proteste nerazzurre e dopo qualche secondo l'arbitro viene richiamato ancora all'on field review, breve visione dell'episodio e decisione che cambia. Niente rigore. E scelta che appare corretta perché il braccio di Sensi è del tutto attaccato al corpo e non sono quindi in posizione innaturale e non aumentano il volume occupato dal corpo. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.