Cristiano Ronaldo, l'accusa: "Top 11 UEFA manipolato per includerlo"

Secondo il Daily Mail la formazione votata dai tifosi sarebbe stata modificata in un 4-2-4 per fare spazio al fenomeno bianconero. La UEFA smentisce: "Il modulo cambia ogni anno, tutto si è svolto regolarmente".

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Meno di 24 ore dopo aver pubblicato sul proprio sito ufficiale la Top 11 del 2019, la formazione composta dai calciatori più votati da tifosi e appassionati di tutto il mondo, la UEFA è già finita nel mirino della critica in Inghilterra. L'accusa che arriva dal Daily Mail, riportata su tutte le maggiori testate europee, è di quelle pesanti: il massimo organismo calcistico continentale avrebbe manipolato la votazione, approntando per la "squadra dell'anno" un inedito 4-2-4 in modo da includere negli undici Cristiano Ronaldo, finito nei voti alle spalle di Mané, Lewandowski e dell'eterno rivale Lionel Messi.

I dubbi erano emersi già al momento della pubblicazione: al posto del consueto 4-3-3 che di solito si utilizza in queste occasioni, anche per lasciare le giuste possibilità di gloria a tutti i protagonisti del gioco più bello del mondo, la UEFA ha varato un 4-2-4 che inevitabilmente ha finito per trascurare i centrocampisti, presenti soltanto con Frenkie de Jong e Kevin De Bruyne. N'Golo Kanté, terzo nelle votazioni dei fan, sarebbe stato così sacrificato per lasciare spazio a Cristiano Ronaldo, stella a cui secondo l'accusa l'organizzazione che regola il calcio europeo non vuole rinunciare.

Una scelta puramente mediatica? Un modo per non scontrarsi con CR7? Nonostante si tratti di uno dei calciatori più forti al mondo - se non di sempre - il portoghese è noto per la voglia di primeggiare che spesso lo porta ad accettare in malo modo le sconfitte. Basti pensare alle polemiche legate alle ultime due edizioni del Pallone d'Oro, che Cristiano Ronaldo riteneva di meritare in entrambi i casi e che invece sono finite prima a Modric e poi a Messi in cerimonie in cui quella del fenomeno di Madeira era un'assenza che faceva rumore. Possibile che la UEFA abbia preferito non indispettire una delle stelle più brillanti del firmamento calcistico mondiale? 

Cristiano Ronaldo bacia la Nations League
Cristiano Ronaldo bacia la Nations League vinta con il Portogallo, motivo per cui sarebbe riuscito a entrare nella Top 11 UEFA.

Cristiano Ronaldo nella Top 11 UEFA, il Daily Mail accusa: "Formazione manipolata"

Possibile, almeno secondo chi sostiene che Kanté sia stato sacrificato per fare spazio a Cristiano Ronaldo, una delle cause per cui la UEFA avrebbe ritardato la pubblicazione della Top 11. Tra chi la pensa così anche una misteriosa fonte anonima, le cui parole sono state riportate dal Daily Mail.

Così non va per niente bene, questa è evidentemente una manipolazione del voto. La popolarità di Ronaldo è talmente elevata all'interno dell'organizzazione che hanno organizzato tagli e cambiato la formazione per fargli spazio. È naturale chiedersi cos'altro potrebbero fare.

L'ipotesi è stata seccamente smentita da un portavoce della UEFA, che ha invece rivelato come i voti dei fan vengano mediati con i risultati ottenuti sul campo proprio per premiare i calciatori che si sono effettivamente rivelati migliori. In questo caso Cristiano Ronaldo avrebbe trovato posto come vincitore della neonata Nations League, conquistata con il Portogallo dopo aver sconfitto l'Olanda di Virgil Van Dijk e Matthijs de Ligt, presenti nella Top 11 con Frenkie de Jong. 

La formazione della Top 11 è stata scelta per riflettere il voto dei tifosi e parallelamente premiare i risultati conseguiti dai calciatori nelle competizioni UEFA. Questo ha portato ad avere una squadra dove sono presenti 5 vincitori della Champions League e 4 finalisti della Nations League. Il modulo cambia di anno in anno e questo non fa eccezione.

Una spiegazione convincente soltanto in parte, dato che andando a guardare le ultime Top 11 il Daily Mail sottolinea come sia sempre stato utilizzato il 4-3-3 salvo che nel 2017, quando comunque era stato scelto il 4-4-2. Una considerazione che getta ulteriore benzina sul fuoco di una polemica che difficilmente si spegnerà nel giro di pochi giorni.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.