Serie A, le pagelle di Inter-Atalanta: Gosens una furia, Handa un muro

Finisce 1-1 a San Siro. Meglio l'Inter nella prima parte e avanti con Lautaro. Nella ripresa la Dea gioca meglio, pareggia con Gosens e nel finale Handanovic para un rigore a Muriel.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Finisce 1-1 il terzo anticipo della diciannovesima giornata di Serie A. Atalanta e Inter si annullano in una partita ad alta intensità e ad alto contenuto di spettacolo. Parte fortissimo la squadra di Conte che al quarto minuto passa in vantaggio: Lautaro e Lukaku dialogano a meraviglia, lo scambio manda fuori giri Toloi che non riesce a chiudere sul Toro che si presenta a tu per tu con Gollini e lo batte con un rasoterra potente e preciso. L'Atalanta risponde con Pasalic, ma la conclusione del croato termina al lato. Bergamaschi in partita, pericolosi con Zapata che sulla sponda di Gosens però non riesce a dar forza al colpo di testa che finisce tra le braccia di Handanovic. La gara è bella, come da previsioni, veloce e con tanti ribaltamenti di fronte. Inter che fa sussultare San Siro ancora sull'asse Lautaro-Lukaku, l'argentino supera Gollini con un tocco sotto ma Toloi salva sulla linea.

Il botta e risposta va avanti e al 40' è ancora Toloi protagonista, stavolta però nell'area interista: il colpo di testa del brasiliano sembra vincente, ma Handanovic è super e respinge, sul tap-in ancora Toloi però viene disturbato da un avversario e non riesce a deviare in porta. L'Atalanta chiede rigore per un intervento di Lautaro sul difensore, ma dopo un lungo silent-check Rocchi lascia andare. Episodio molto dubbio, non convince la scelta dell'arbitro di non andare all'on field review. 

Ripresa che inizia con l'ennesima inziativa di Lukaku che prende a sportellate Palomino e poi cerca Candreva che però viene anticipato da Gosens. Gasperini toglie Zapata e inserisce Malinovsky e proprio l'ucraino fa venire i brividi ai tifosi dell'Inter con un destro dai venti metri che scheggia l'incrocio dei pali e termina fuori. Gioca bene la Dea, lavora in pressione e costringe l'Inter a commettere diversi errori in uscita e ad abbassare molto il baricentro. L'Atalanta di fatto domina e trova il pari a un quarto d'ora dal termine con Gosens che sorprende Candreva e con il sinistro beffa Handanovic. L'Atalanta continua a premere e a due minuti dal novantesimo ha la palla del vantaggio, perché Bastoni spinge in area Malinovsky e per Rocchi è rigore. Dal dischetto però Muriel calcia debolmente e Handanovic è bravo a intuire e deviare in angolo. L'Inter prova a farsi vedere con Brozovic, ma Gollini è attento. Finisce così 1-1 una partita splendida e tutto sommato il risultato spiega bene l'andamento della gara. Meglio l'Inter nel primo tempo, meglio invece la Dea nella ripresa. 

Serie A, de Vrij in azione
Serie A, le pagelle di Inter-Atalanta

Serie A, le pagelle di Inter-Atalanta

Inter (3-5-2): Handanovic 7; Godin 6,5, De Vrij 6,5, Bastoni 5,5; Candreva 5,5, Gagliardini 6, Brozovic 6,5, Sensi 6 (71' Borja Valero 6), Biraghi 6; Lautaro Martinez 7 (80' Politano sv), Lukaku 6,5. All: Conte 6,5

Atalanta (3-4-1-2): Gollini 6; Toloi 5,5, Palomino 6,5, Djimsiti 6; Hateboer 6,5, De Roon 6,5, Pasalic 6 (69' Muriel 5), Gosens 7 (91' Castagne sv); Gomez 6,5; Ilicic 6, Zapata 5,5 (53' Malinovsky 6,5). All: Gasperini 7

I migliori

Lautaro 7

Fa gol alla prima occasione, l'intesa con Lukaku è perfetta e lui è glaciale a tu per tu con Gollini. Settimo gol nei primo trenta minuti, a conferma di un giocatore che ama partire forte. Decimo centro in questa Serie A per l'argentino che gioca un primo tempo d'alto livello. Fortunato perché Rocchi non vede il suo tocco su Toloi nel finire di primo tempo: sarebbe stato rigore ed espulsione. Nella ripresa l'Inter si abbassa e lui ha meno occasioni per mettersi in mostra, però è generoso in fase di copertura. 

Gosens 7

Ormai è uno dei punti di forza della Dea, uno stantuffo inesauribile a sinistra e che - per non farsi mancare nulla - ora ha preso anche confidenza con il gol. Sfrutta il pallone che spiove nell'area interista e con un tocco alla Inzaghi sorprende sia Candreva che Handanovic. Sesto centro in campionato. Per un esterno a tutta fascia un bottino non male. 

Handanovic 7

La parata su Toloi nel finale di primo tempo è da grande portiere, intervento che tiene avanti l'Inter al riposo. Sul gol di Gosens è sorpreso, ma l'errore vero è di Candreva. Nel finale dice no a Muriel, si conferma para rigori e salva l'Inter dalla sconfitta. In una gara molto complicata per i nerazzurri di Conte. Soprattutto nella ripresa. 

I peggiori

Toloi 5,5

L'errore sul gol del vantaggio firmato da Lautaro Martinez è grave e non degno delle qualità di questo difensore che non sarà Nesta, ma è certamente una sicurezza nello scacchiere tattico di Gasperini. Scivolone pesante, ma lui ha il merito poi di non farsi condizionare per il resto della partita che interpreta abbastanza bene. Meritava il rigore nel finale di primo tempo. 

Candreva 5,5

Gioca una gara generosa, dispendiosa, contro un avversaria che i quinti avversari li mette a dura prova come l'Atalanta. Nel primo tempo fa meglio di Gosens che è il suo dirimpettaio, nella ripresa però la sfida è tutta ad appannaggio dell'esterno atalantino. Pesa molto la disattenzione in occasione del pari atalantino, realizzato proprio da Gosens. 

Muriel 5

Entra a metà ripresa per sfruttare la superiorità che l'Atalanta sta dimostrando in quella fase di partita. Nel finale ha sui piedi la palla dell'1-2 e probabilmente della vittoria, successo che sarebbe fondamentale per la Dea nella corsa Champions. Il colombiano però tira un rigore da incubo, un destro debole e nemmeno troppo angolato che Handanovic intercetta. Troppa flemma in un momento che poteva essere di svolta. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.