Napoli, caso multe: 6 giocatori ricusano l'arbitro scelto dal club

Insigne, Lozano, Mertens, Milik, Zielinski e Manolas hanno chiesto la sostituzione del giurista Piacci in quanto ritenuto non super partes per trattare il caso.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

La crisi di risultati del Napoli è tutt'altro che terminata ma dopo il 3-1 subito dall'Inter nell'ultima giornata di campionato, spuntano indiscrezioni pesanti su una questione lontana dal campo e cioè quella legata alle multe fatte ai giocatori dal presidente De Laurentiis.

Le sanzioni fatte a quasi tutti i membri della rosa (il cui valore complessivo si aggira attorno ai 2,5 milioni di euro) sono state richieste dopo la sorta di "ammutinamento" per evitare il ritiro post Salisburgo e la questione è in mano agli arbitrati.

Ma stando a quanto raccolto dalla Gazzetta dello Sport, 6 dei giocatori del Napoli coinvolti in questi procedimenti avrebbero avviato una procedura in quanto non soddisfatti dalla scelta dell'arbitro per tutti e 24 i collegi fatta direttamente dalla società partenopea.

Manolas e Fabian Ruiz in Napoli-Inter
Napoli, continua il caos per il caso delle multe

Napoli, caos multe: 6 giocatori chiedono la sostituzione dell'arbitro scelto dalla società

I calciatori sono Insigne, Lozano, Mertens, Milik, Zielinski e Manolas che hanno chiesto al Tribunale di Napoli la sostituzione del giurista Bruno Piacci con un'istanza di ricusazione perché l'arbitro sarebbe ritenuto "non super partes".

Al momento non c'è stata la risposta su questa richiesta ma si tratta di un nuovo capitolo che non farà altro che allungare di altri mesi lo spinoso caso multe che agita le acque in casa del club campano.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.