Calciomercato, Arda Turan rescinde con il Basaksehir: c'è il Galatasaray

33 anni il prossimo 30 gennaio, il centrocampista turco lascia il club in cui ha giocato negli ultimi due anni e mezzo: sembra già prossimo un accordo con i campioni di Turchia guidati da Fatih Terim.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Se è vero che nel calcio non esiste niente di scontato, che le certezze di ieri il giorno successivo possono essere completamente stravolte e che nel breve volgere di un paio di stagioni un giocatore può compiere un viaggio dal paradiso all'inferno - e ritorno - questo diventa evidente quando si parla di calciomercato. Nello specifico quando si parla dell'ultima notizia che riguarda Arda Turan, uno dei più forti calciatori turchi di sempre, che a 33 anni e nel giro di appena 24 ore potrebbe aver cambiato tre squadre, trasformandosi da oggetto indesiderato a nuova stella del club più amato della Turchia.

Talento straordinario, capace di svariare su tutto il fronte di attacco e di unire nei suoi anni migliori grinta, fantasia e qualità tecniche, Arda Turan è stato dal 2011 al 2018 una delle stelle della Liga spagnola: scoperto dall'Atletico Madrid, che per prelevare dal Galatasaray il 24enne simbolo del calcio turco investe 12 milioni di euro, si dimostra assolutamente all'altezza di un torneo tanto competitivo al punto da attirare l'interesse di una corazzata come il Barcellona, particolarmente sensibile quando si parla di giocatori di qualità.

Nel gennaio del 2016, prossimo ai 29 anni, Turan è uno dei punti fermi della Turchia e la nuova stella del Barcellona campione d'Europa, il Barcellona di Luis Enrique e soprattutto del tridente composto da Messi, Neymar e Luis Suarez. Quella che dovrebbe essere una consacrazione si trasforma però nell'inizio del declino. Non bastano infatti 18 mesi giocati discretamente bene e costellati da 55 presenze e 15 gol: il club si aspettava qualcosa di più, il giocatore più spazio, la separazione è inevitabile. Nel gennaio del 2018 Arda Turan saluta e torna in Turchia.

Arda Turan
Ormai siamo ai dettagli: Arda Turan è pronto a tornare al Galatasaray, club che ha lasciato nel 2011 per tentare l'avventura in Spagna all'Atletico Madrid prima e al Barcellona poi.

Calciomercato, per Arda Turan un ritorno alle origini: lo aspetta il Galatasaray

Una scelta che può anche avere senso: ormai 31enne, Arda Turan sarà una delle stelle dell'ambizioso Basaksehir, club che si dice sia legato al presidente turco Erdogan di cui il giocatore è un sostenitore e che del resto due mesi più tardi sarà suo testimone al matrimonio . Arriva in prestito per 18 mesi, ha già perso la Nazionale a causa dei contrasti con il ct Terim e per avere aggredito un giornalista sul volo che riportava lui e i compagni a casa dopo un impegno internazionale. Nel campionato turco, seguitissimo ma non certo di alto livello, può rilanciare carriera e immagine.

Non andrà esattamente così, dato che il suo nome tornerà d'attualità, più che per le prodezze, per i guai combinati in campo e fuori. Sul rettangolo di gioco viene ad esempio squalificato per ben 18 partite (poi ridotte a 10) per aver spintonato un assistente dell'arbitro durante un'infuocata sfida con il Sivasspor; fuori viene condannato a 2 anni e 8 mesi di prigione (pena poi sospesa) per aver sparato in aria con una pistola in un ospedale, dove si era recato per chiedere scusa alla popstar Berkay Sahin, a cui aveva rotto il naso in una rissa.

Si tratta del rovescio della medaglia di un giocatore che nei suoi anni migliori è stato magnifico, talento controverso che sul campo non riesce a dare al Basaksehir quello che serve per vincere il campionato. A imporsi, due volte su due, è il Galatasaray del vecchio nemico Terim, il ct per cui aveva annunciato l'addio alla Nazionale (100 presenze e 15 gol dal 2006 al 2017) e a cui è intitolato il controverso club "amico di Erdogan".

Nella mattinata di oggi ecco l'epilogo: a 6 mesi di scadenza dal prestito Arda Turan e il Basaksehir si separano dopo due anni, 43 presenze con pochi alti e molti bassi e la miseria di 2 reti. Dovrebbe tornare al Barcellona, club a cui è ancora legato da un contratto, ma è evidente che nel club catalano non troverebbe assolutamente spazio: neanche il tempo di raccontare la caduta di una stella ed ecco però che la storia cambia ancora, regalando al giocatore un nuovo trasferimento, ancora una volta nel mercato di gennaio.

È un ritorno alle origini, a quel Galatasaray che lo aveva scoperto e lanciato e che adesso - siamo ai dettagli - è pronto a riabbracciarlo. Il club campione di Turchia, guidato da quel Fatih Terim che un tempo non poteva vederlo e che oggi racconta ai media turchi che questo è il calcio professionistico, che è un rapporto personale e che il tempo cura tutte le ferite.

Forse sarà l'ultimo colpo d'ala nella carriera di un talento che ha toccato livelli altissimi ma che avrebbe potuto fare comunque di più, forse sarà il lieto fine laddove tutto è cominciato. Forse sarà davvero una rinascita, del resto l'ex Inter Emre Belozoglu, a 39 anni, è ancora un pilastro del Fenerbahce. O forse si tratterà soltanto di un triste e anonimo tramonto, chi lo sa. Per scoprirlo non rimane che aspettare, consapevoli del fatto che le vie del calcio - e del calciomercato - sono infinite, misteriose e imprevedibili.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.