Haaland: lo United ci ha provato, stop per la provvigione di Raiola

Dall'Inghilterra assicurano che la trattativa tra i Red Devils e l'attaccante, ora ufficialmente del Borussia Dortmund, si è arenata sulle commissioni a Raiola e Haaland padre.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Nell'ultima domenica del 2019 il Borussia Dortmund ha piazzato il primo colpo del calciomercato europeo 2020. Risponde al nome di Erling Haaland, attaccante norvegese acquistato dal Red Bull Salisburgo per 30 milioni di euro, la clausola presente nel contratto del centravanti classe 2000. Contratto di quattro anni e mezzo per Haaland, cercato da diversi top club del calcio continentale prima che i gialloneri riuscissero a bruciare la concorrenza. 

Haaland ha rubato l'occhio di tanti addetti ai lavori nei primi quattro mesi della stagione 2019/2020 grazie alle 24 reti realizzate tra Champions League (8 in 6 gare) e campionato austriaco (16 in 14 presenze). Oltre ai soldi versati per il cartellino, il Borussia Dortmund ha pagato per lui 20 milioni di clausola rescissoria e ricche commissioni: 10 milioni sono andati al padre del giocatore, l'ex centrocampista del Leeds United Alf-Inge, mentre Mino Raiola, procuratore dell'attaccante, ha intascato 15 milioni.

A Raiola e Haaland senior sono andate cifre significative, soprattutto se rapportate alla giovane età del giocatore. Dall'Inghilterra nelle ore successive all'ufficialità dell'acquisto del centravanti da parte del Borussia Dortmund è però rimbalzata una voce di calciomercato legata al Manchester United: secondo quanto riportato dal Daily Mail, i Red Devils hanno trattato l'arrivo dell'attaccante 19enne ma si sono ritirati dalla trattativa di fronte alla richiesta di elevate commissioni da parte dell'entourage del giocatore.

Calciomercato, la commissione per Raiola alla base del no dello United a Erling Haaland
Calciomercato, la commissione per Raiola alla base del no dello United a Haaland

Calciomercato, niente commissioni per Raiola e Haaland senior: così si è fermata la trattativa

Proprio quei bonus garantiti a Raiola e Alf Inge Haaland sono stati alla base dell'interruzione della trattativa per portare Erling Haaland a Old Trafford. Come raccontato dal Daily Mail, il Manchester United non ha accettato di dare all'agente e al padre dell'attaccante delle commissioni e una percentuale definitiva "significativa" sull'eventuale vendita futura del calciatore. Una delusione incassata a inizio mese, dopo che il manager dello United Ole Gunnar Solskjaer, che aveva allenato Erling al Molde, aveva incontrato l'attaccante e il suo entourage a Salisburgo, meta raggiunta su un volo privato. Un summit che l'allenatore norvegese avrebbe commentato così:

Haaland sa cosa vuole fare e cosa sta per fare, quindi non devo dare consigli a giocatori di altre squadre.

Haaland ha firmato un contratto con il Borussia Dortmund fino al 2024
Erling Haaland ha firmato un contratto con il Dortmund fino al 2024


Sull'attaccante avevano chiesto informazioni anche Juventus e Lipsia, ma lo United aveva individuato - secondo il Daily Mail - in Haaland il prospetto ideale per sostituire Romelu Lukaku a cinque mesi dall'addio dell'attaccante belga in direzione Inter, in un reparto che nonostante la crescita del giovane Mason Greenwood sembra aver bisogno di un'altra pedina alla voce "acquisti". Un elenco dal quale il 19enne norvegese è ora fuori, non senza un pizzico di amarezza nelle stanze dei bottoni dei Red Devils.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.