Neymar padre: “Mio figlio di nuovo con Messi? Col Barça ottimi rapporti”

Il padre del brasiliano non chiude a un ritorno del figlio in blaugrana e smorza la polemica sul denaro che il club ancora dovrebbe all’attuale fantasista del PSG.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Sembra un po' la storiella del poliziotto buono e del poliziotto cattivo. Gli interpreti sono Neymar jr nella parte del secondo, che attacca la sua ex squadra accusandola di dovergli ancora del denaro, suo padre, che entra nella stanza offrendo con fare bonario una sigaretta - sotto forma di apertura di mercato - all'interrogato, e il Barcellona nel ruolo poco ambìto di "accusato".

E meno male che ancora pochi mesi fa le trattative erano corse frenetiche fino agli ultimi giorni della sessione dei trasferimenti estivi: i Blaugrana infatti volevano fermamente riportare il brasiliano in Catalogna e lo stesso giocatore avrebbe fatto carte false per tornare. O comunque per lasciare il PSG: sì perché, per dirla tutta, il suo staff era stato a lungo, quanto però invano, in contatto anche con il Real Madrid.

Alla fine però, come si sa, O'Ney era rimasto a Parigi anche perché il suo non è esattamente un "trasloco" che si possa improvvisare, uno spostamento che possa essere organizzato in pochi giorni, come fosse un saldo qualsiasi. Spostare un brand - perché questo è oggi Neymar, oltre che un giocatore - è un'operazione di alta finanza profondamente complessa, qualcosa che travalica persino quello che è comunemente chiamato calciomercato.

Neymar gol
Neymar è alla terza stagione al PSG

Calciomercato: Neymar padre apre al Barcellona

Nel caso delle trattative fra Neymar e Barça, per esempio, ci sarebbero prima da risolvere un paio di pendenze non proprio trascurabili da alcune decine di milioni di euro, mica noccioline. Soprattutto per un club che dal 2014 a oggi ha speso oltre un miliardo di euro sul mercato - e non sempre, va detto, con acquisti oculati - incassando poco più della metà dalle cessioni.

Neymar padre e figlio
Neymar insieme al padre che è anche suo agente

Di queste ore, infatti, è la notizia che il giocatore avrebbe fatto recapitare dai suoi avvocati al Barcellona la richiesta di 3,5 milioni di euro, una parte del suo ultimo stipendio blaugrana che il club non gli avrebbe ancora saldato e per giunta, a suo dire, "in assoluta malafede". Una cifra che va ad aggiungersi ai 30 milioni (26 più interessi...) che il brasiliano ritiene di sua spettanza quale bonus concordato per il suo ultimo rinnovo, quello firmato nel 2017, proprio pochi mesi prima di essere "scippato" dal PSG.

Bartomeu, presidente del Barcellona
Bartomeu ha ancora un anno da presidente del Barcellona

Un altro affondo, insomma, che non ha fatto piacere a Bartomeu. Per questo, immediata, è giunta la mano tesa di Neymar senior che, a Cadena Ser, ha sminuito la questione e gettato acqua sul fuoco, catalogando il tutto come un polverone alzato ad arte per creare una polemica che non esiste. Anzi, già che c'era papà Neymar, che è anche agente del figlio, ne ha approfittato per riaprire la porta e rilanciare:

Mio figlio tornerà a giocare al fianco di Messi? Adesso è sotto contratto col PSG, ma abbiamo sempre mantenuto ottimi rapporti con Bartomeu.

Già, e per la cronaca Bartomeu ha ancora un solo anno da presidente del Barcellona.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.