Tortu: "Ho sempre sentito il desiderio di andare sotto i 10''..."

Le parole del primatista italiano sui 100 metri piani.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Il primatista italiano nei 100 metri piani, Filippo Tortu, ha rilasciato un'intervista ai microfoni di Sky Sport:

Ho sempre sentito dentro il desiderio - ha esordito il classe 1998 di Milano - di andare forte, di andare sotto i 10'' fin da ragazzo. E mi sono accorto di essere stato visto come una sorpresa nei primi anni. Quando sono arrivato secondo al Mondiale è stata una sorpresa per tutti, ma da quanto lo avevo sognato a me sembrava scontato

Poi ricorda quando si procurò  fratture esposte alle braccia alle Olimpiadi di Pechino:

Non è stato semplice avere due braccia rotte. In Cina, dall’altra parte del mondo. Avevo bisogno di una mano per tutto, anche per fare la valigia, perché appunto sono dovuto tornare per operarmi. Quell’anno iniziavo il terzo anno di liceo, avevo cambiato scuola, per cui mi sono presentato con le braccia così (ride, ndr)

Sul secondo posto ai Mondiali junior del 2016:

Avevo già la voglia di vincere e di battere tutti. Sono arrivato secondo, è stato un grosso risultato che mi ha lasciato però l’amaro in bocca. Ero consapevole fosse un buon risultato, ma volevo qualcosa in più. Da lì ho capito che potevo giocarmela con chiunque. Se parti sconfitto non c’è modo di battere gli altri. Tutt’ora mi alleno per dare sempre il mio meglio

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.