Tottenham, ufficiale: Mourinho è il nuovo allenatore

Lo Special One ha firmato con gli Spurs fino al 2023: "Sono entusiasta di entrare a far parte di questo club. Non vedo l'ora di lavorare con i giocatori".

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

La notizia dell'esonero di Mauricio Pochettino è arrivata come un fulmine a ciel sereno in casa del Tottenham e i tifosi della squadra londinese non hanno fatto neanche in tempo a chiedersi chi sarebbe stato il sostituto dell'argentino sulla panchina degli Spurs: è infatti ufficiale la firma di José Mourinho fino al 2023.

José è uno dei manager più affermati al mondo - recita il comunicato ufficiale - grazie ai 25 trofei conquistati in carriera. È un grande tattico e ha allenato top club come Porto, Inter, Chelsea, Real Madrid e Manchester United. Ha stabilito un record vincendo il campionato in quattro paesi diversi (Portogallo, Inghilterra, Italia e Spagna) ed è uno dei tre allenatori ad aver vinto due volte la  Champions League con due squadre, il Porto nel 2004 e l'Inter nel 2010. Ha vinto anche tre Premier League con il Chelsea (2005, 2006, 2015).

Queste le parole del presidente Daniel Levy:

José è uno dei manager di maggior successo della storia del calcio. Ha una grande esperienza, è un grande stratega e potrà essere d'ispirazione per la squadra. Ha vinto in ogni club che abbia allenato. Crediamo possa portare energia e convinzione nello spogliatoio

Non potevano mancare le prime dicharazioni dello Special One: 

Sono entusiasta di entrare a far parte di un club con tifosi così appassionati. La qualità di questa squadra mi entusiasma. La possibilità di lavorare con questi giocatori è ciò che mi ha convinto

Pochettino è stato allontanato nella serata di martedì nonostante pochi mesi fa fosse riuscito a portare il club inglese alla prima finale di Champions League della sua storia, ma i risultati raccolti in campionato nel finale della scorsa stagione e quelli di questo primo stralcio di annata hanno convinto la dirigenza a cambiare.

L'interrogativo sul suo possibile sostituto è durato pochissimo visto che il Tottenham dovrà giocare partite molto importanti nel giro di questi 10 giorni compresa la sfida all'Olympiacos che potrebbe regalargli la qualificazione agli ottavi di finale di Champions. E in panchina ci sarà lo Special One.

Mourinho succede a Pochettino
Mourinho sostituisce Pochettino al Tottenham

Tottenham, ufficiale: è Mourinho il sostituto Pochettino in panchina

A rivelarlo era stato Fabrizio Romano di Sky Sport, che sui suoi profili social aveva spiegato quale fosse la situazione al Tottenham: Mourinho infatti è stato da subito il profilo preferito del presidente Daniel Levy e l'allenatore portoghese ha dato immediatamente la sua disponibilità ad ascoltare l'offerta del club.

La decisione da parte del proprietario degli Spurs era attesa a breve e puntualmente è arrivata: a Londra arriva un tecnico fermo da un anno e che deve rilanciarsi dopo l'esonero al Manchester United del 18 dicembre 2018. 

Sempre Fabrizio Romano aveva specificato che, nonostante le voci che circolassero su di lui in Inghilterra, il nome di Massimiliano Allegri non ha mai fatto parte della lista di Levy che ha provato l'affondo per Mourinho. Lo Special One torna a Londra dopo l'esperienza al Chelsea e su una panchina dopo l'addio al Manchester United di inizio anno.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.