Tragedia nella Boxe, muore in allenamento il 27enne Dwight Ritchie

Fatale per l'australiano un pugno nello stomaco mentre aiutava Zerafa a prepararsi al suo prossimo match contro Horn.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Tragedia nel mondo della boxe. Il pugile australiano Dwight Ritchie è morto ad appena 27 anni a causa di un pugno allo stomaco ricevuto durante una sessione di allenamento. A sferrargli il colpo letale - come riporta il quotidiano australiano "Sidney Morning Herald" - è stato Michael Zerafa. "Cowboy" Ritchie lo stava infatti aiutando a prepararsi in vista del suo secondo incontro contro Horn.

Il ragazzo australiano - che in passato aveva superato e sconfitto per due volte il cancro - era reduce da un incontro perso con Tim Tszyu per il titolo superwelter Ibf dell'Australasia, ma uscendo a testa alta dopo un'ottima prestazione nel ring.

Boxe, muore il 27enne Dwight Ritchie

A dare la notizia della sua morte è stato l'allenatore Jake Ellis, con un post su Facebook in cui è stata anche lanciata una raccolta fondi da destinare ai tre figli del pugile.

È con grande tristezza e shock che devo annunciare che "Cowboy" Dwight Ritchie è morto tristemente oggi, facendo ciò che amava. Come promotore e amico di Dwight è insopportabile accettare la tragica notizia appena emersa: sarà sempre ricordato dalla confraternita della boxe come uno dei talenti più brillanti in Australia, il cui stile di combattimento incarnava esattamente il modo in cui viveva. RIP Cowboy ci mancherai per sempre.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.