Bartomeu: "Altri due o tre anni con Messi, poi penseremo al dopo"

E Valverde viene confermato sulla panchina blaugrana: "È l'uomo giusto per noi".

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Ha parlato un po' di tutto, il presidente del Barcellona, Josep Bartomeu, in un'intervista rilasciata all'agenzia AP. Il numero uno del club catalano ha spaziato su vari argomenti, rinnovando la fiducia a Valverde, parlando di calciomercato e, soprattutto, palesando la sua idea riguardo il futuro di Leo Messi.

Che sarà sì legato a vita al Barcellona (almeno dal punto di vista di Bartomeu), ma con una specie di scadenza (oggi l'argentino ha 32 anni e il contratto in scadenza nel 2021):

Nelle prossime due o tre stagioni il nostro leader continuerà ad essere Leo Messi, poi cominceremo a pensare al dopo, con altri giocatori giovani in arrivo e altri che provengono dalla Masia. Da parte di tutti c'è la volontà di allungare questo contratto all'infinito. Faccio sempre il confronto con Pelé che ha giocato in una sola squadra in Brasile e non ho dubbi che una volta che terminerà la sua carriera, Messi rimarrà legato a questa squadra per il resto della sua vita.

Barcellona, per Laporta Messi ha ancora 2-3 anni
Laporta vede Messi al Barcellona per altri 2-3 anni

Barcellona, Bartomeu annuncia altri 2-3 anni con Messi

Nel corso della lunga intervista di Josep Bartomeu c'è modo anche di parlare di Neymar, cercato con insistenza nell'ultima sessione di calciomercato dal Barcellona, ma rimasto al Psg:

Dopo quello che è successo l'estate scorsa è ancora del Psg e dobbiamo avere il massimo rispetto per quel club. Dembélé? Arrivare al Barça e riuscire subito non è facile. Ousmane ha avuto sfortuna con gli infortuni, ma ci fidiamo del suo talento.

Infine, fiducia rinnovata a Ernesto Valverde, nonostante i risultati non proprio confortanti dell'ultimo periodo e l'ombra di Koeman sempre più incombente in vista della prossima stagione:

Crediamo che Valverde sia l'allenatore ideale per guidare una squadra fatta di giocatori giovani e meno giovani. Lui è il giusto collante per costruire una nuova squadra e questo nuovo gruppo che porterà avanti il Barcellona.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.