Caos Napoli, parola al mental coach: "Ancelotti sfrutti il momento"

L'esperto di gestione delle emozioni analizza il momento della squadra di Ancelotti. E pure su Conte: "Capirà di aver sbagliato".

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Serata movimentata quella delle squadre italiane, Inter e Napoli, impegnate ieri in Champions League. I nerazzurri si sono fatti rimontare dal Borussia Dortmund, con tanto di sfogo di Antonio Conte (l'ennesimo) al termine della gara, per passare alla società la responsabilità della situazione.

Il Napoli invece è uscito con un pareggio dal match con il Salisburgo, ma subito dopo il triplice fischio ha avviato un incredibile ammutinamento, con tutta la squadra che ha deciso di non rispettare l'obbligo di presentarsi in ritiro.

Un bel caos, insomma, tematiche che vanno oltre il semplice rettangolo di gioco e che possono andare a coinvolgere vari aspetti, come quelli mentali di un gruppo. Si parla di unione e coesione di squadra, comunione d'intenti e comunicazione. Tematiche che sono pane quotidiano di chi, come Sandro Corapi, di professione fa il mental coach in ambito sportivo. 

Napoli, parla il mental coach Sandro Corapi
Sandro Corapi, il mental coach parla del Napoli

Il mental coach Sandro Corapi su Napoli e Inter

Per questi motivi lo abbiamo contattato, chiedendo un suo parere per capire come queste due squadre possano uscire da questo stato di impasse. Si parte con il Napoli: 

Parto dal presupposto che il mio giudizio non può essere completo, perché per esserlo dovrei vivere da dentro le varie situazioni. Detto questo, dal mio punto di vista ci sono state prese di posizione non condivise. Quando manca condivisione e comunicazione in un club è chiaro che possano nascere delle frizioni, alcune tali da portare anche al mancato riconoscimento dei ruoli e così uno si sente libero di fare quello che vuole.

Ma c'è un modo per uscirne?

È una situazione delicata, ma Ancelotti ha esperienza giusta per gestirla, lo ha dimostrato in passato. Ne uscirà alla grande, ne sono sicuro. Servirà un chiarimento immediato di tutte le parti in causa, dove ognuno dovrà fare un passo indietro. Il muro contro muro non serve a nessuno e abbassa il livello della prestazione. Se gestita bene questa situazione potrebbe dare vita a una rinascita del Napoli, ricompattando ambiente per ripartire alla grande. Ancelotti è un grande e la squadra è di ottima qualità. Questa situazione potrebbe essere la scintilla per far ripartire il Napoli.

Cosa ne pensa invece dello sfogo di Conte?

Ogni allenatore ha il diritto di dire quello che vuole, ma in alcuni casi, certi argomenti andrebbero affrontati dentro le mura di casa, perché in questo modo si rischia di delegittimare l’operato della società e quello dei ragazzi che sono in squadra, soprattutto quelli che non sono stati impiegati in questo periodo. In questi casi nella gestione delle emozioni dovrebbe prevalere la parte razionale su quella emozionale istintiva. L’allenatore deve fare un’analisi razionale delle cose che sono successe e che hanno determinato sul campo il risultato negativo. Sono convinto che nel momento in cui risentirà l’intervista, capirà di aver sbagliato.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.