Conte: "Questa partita faccia capire qualcosa a chi deve capire..."

Il tecnico dei nerazzurri commenta la rocambolesca sconfitta in casa dei gialloneri: "Sono dispiaciuto ma scocciato di dire sempre le stesse cose".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La sconfitta in casa del Borussia Dortmund complica particolarmente i piani dell'Inter di qualificazione agli ottavi di finale di Champions League, lasciando un grande rimpianto specialmente per come la squadra agli ordini di Antonio Conte ha interpretato il primo tempo.

Al 45esimo minuto infatti i nerazzurri erano meritatamente sul 2-0 grazie alle reti messe a segno da Lautaro Martinez e Vecino, risultato poi completamente ribaltato nella ripresa grazie alla doppietta di Hakimi e al gol di Brandt.

Una beffa clamorosa che ovviamente non è andata giù ad Antonio Conte, conscio che il cammino verso il passaggio del turno è ora molto più difficile anche se il destino dell'Inter è ancora nelle sue mani: con 6 punti nelle prossime due partite ci si qualificherebbe agli ottavi.

Conte contro il Borussia Dortmund
Borussia Dortmund-Inter, le parole di Antonio Conte

Borussia Dortmund-Inter, Conte: "Spero che chi ha visto la partita capisca..."

Conte ha parlato dopo il fischio finale della sfida in casa del Borussia Dortmund ai microfoni di Sky Sport, commentando la clamorosa rimonta subita dalla sua squadra per mano dei gialloneri nel secondo tempo.

Cosa è successo? Quello che è successo a Barcellona, anzi peggio perché eravamo sul 2-0. Dispiace...ma mi dicono di sorridere di più quando vengo in tv ma dovrei parlare sempre delle stesse cose. Non me la sento di commentare il secondo tempo, non voglio creare alibi e spero che queste partite facciano capire qualcosa a chi deve capire. Noi più che lavorare non possiamo fare, non rimprovero nulla ai ragazzi. Ogni tanto dovrebbe venire qualche dirigente a parlare, noi dimostriamo che col lavoro mettiamo in difficoltà chiunque ma poi arriviamo tirati. Non possiamo fare campionato e Champions in queste condizioni. C'è poco da nasconderci dietro un dito, dobbiamo fare un esame di coscienza. Sono in****ato, chi deve capire capisca.

Anche ai microfoni di Mediaset Conte non è stato meno duro:

Ho capito che bisogna prepararci ad affrontare un’annata dura, dobbiamo migliorare e io mi metto dentro. Stiamo parlando di un gruppo di giocatori che, a parte Godin, non ha vinto niente. Non ci sono elementi capaci di gestire momenti importanti e difficili. A chi lo chiediamo? A Barella che abbiamo preso dal Cagliari? Massimo rispetto per loro, ma purtroppo manca esperienza. A Sensi arrivato dal Sassuolo? Ai calciatori io dirò sempre grazie, perché stanno dando l’anima e io sto chiedendo anche delle fatiche che alcuni devono sopportare. Dobbiamo stare belli rasoterra, la posizione in campionato non deve nascondere i problemi che ci sono.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.