Tutto pronto a Milano per le Next Gen ATP Finals

Si è svolta la cerimonia del sorteggio dei gruppi round robin delle Nex Gen ATP Finals che iniziano martedì 5 Nnovembre all’Allianz Cloud (ex Palalido) di Piazzale Stuparich nel capoluogo lombardo.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Manca poco all’inizio della terza edizione delle Next Gen ATP Finals, che da quest’anno si svolgeranno nel nuovo Allianz Cloud, impianto inaugurato lo scorso giugno al posto del vecchio Palalido. Le Next Gen Finals arrivano nel cuore di Milano dopo le prime due edizioni disputate alla Fiera di Rho Pero, che hanno visto i successi del sudcoreano Hyeon Chung nel 2017 e del greco Stefanos Tsitsipas nel 2018.

Il torneo meneghino vedrà di fronte gli otto talenti under 21 più promettenti del circuito mondiale. L’australiano Alex De Minaur (finalista della passata edizione e testa di serie numero 1 del tabellone) è stato sorteggiato nel Gruppo A insieme al norvegese Casper Ruud, al serbo Miomir Kecmanovic e allo spagnolo Alejandro Davidovich Fokina. Il Gruppo B è composto dallo statunitense Frances Tiafoe (testa di serie numero 2), dall’italiano Jannik Sinner, dallo svedese Mikael Ymer e dal francese Ugo Humbert.

Anche quest’anno verranno sperimentate alcune regole innovative già introdotte nelle prime due edizioni: patite al meglio dei 5 set brevi (vince chi per primo arriva a 4 game con eventuale tie-break sul 3-3), game senza vantaggi e killer-point sul 40-40. Possono trascorrere 25 secondi tra un punto e l’altro.

Il programma della prima giornata di martedì 5 novembre

  • ore 14: Ruud contro Kecmanovic, a seguire De Minaur contro Davidovich Fokina,
  • ore 19.30: Humbert contro Ymer, a seguire Sinner contro Tiafoe.

Giulio Zeppieri ha vinto il torneo dei Next Gen italiani disputato allo Sporting Milano 3 a Basiglio guadagnandosi il ruolo di riserva in caso di rinuncia di un giocatore. Il diciottenne di Latina ha vinto la finale contro Enrico Dalla Valle con il punteggio di 4-1 4-3 (7-3) 3-4 (5-7) 1-4 4-1.

Gruppo A

Alex De Minaur è il giocatore con la migliore classifica tra gli otto giocatori partecipanti alla terza edizione delle Next Gen Finals. L’australiano nato da genitori di origini spagnole e sudamericane occupa attualmente la diciottesima posizione del Ranking ATP dopo una stagione eccellente che lo ha visto conquistare tre titoli ATP sul cemento nel torneo di casa a Sydney, ad Atlanta e a Zhuhai. Ha perso di recente la finale del torneo di Basilea contro Roger Federer dopo aver battuto lo statunitense Reilly Opelka in tre set nella semifinale. De Minaur, soprannominato “the Demon”, è figlio dell’uruguaiano Anibal e della spagnola Ester. I genitori aprirono un ristorante italiano a Sydney prima di trasferirsi ad Alicante in Spagna quando Alex aveva cinque anni. Ha iniziato a giocare a tennis all’età di 4 anni e si è ispirato fin dagli esordi al suo mentore Lleyton Hewitt. Alex De Minaur: 

Vivo in Spagna, ma mi sento profondamente australiano. Il mio punto di riferimento è Lleyton Hewitt, che ho sempre ammirato durante le sue battaglie tennistiche tifando davanti alla televisione”

Il ventenne serbo Miomir Kecmanovic si è qualificato per le Next Gen Finals in seguito alla rinuncia per infortunio del canadese Felix Auger Aliassime. Il giocatore di Belgrado ha iniziato la stagione alla posizione numero 131 ed è salito fino al quarantasettesimo posto a fine settembre. Attualmente occupa il cinquantacinquesimo posto del Ranking ATP. Nel corso del 2019 Kecmanovic ha perso la finale del torneo di Antalya contro l’azzurro Lorenzo Sonego e ha battuto Alexander Zverev a Cincinnati prima di venire battuto dallo spagnolo Roberto Bautista Agut nel terzo turno. Kecmanovic ha iniziato a giocare a sei anni e i suoi idoli ad inizio carriera erano il connazionale Novak Djokovic e Roger Federer.

Il norvegese Casper Ruud ha iniziato a giocare a tennis a 4 anni seguendo le orme del padre Christian, ex giocatore del circuito ATP che raggiunse la trentanovesima posizione del Ranking ATP, si qualificò per la finale del torneo di Bastad nel 1995 e il quarto turno agli Australian Open nel 1997. Casper Ruud ha disputato la finale al torneo di Houston lo scorso aprile e le semifinali di San Paolo e di Kitzbuhel e occupa la cinquantaseiesima posizione del ranking ATP.

Lo spagnolo Alejandro Davidovich Fokina sostituisce il canadese Denis Shapovalov, che ha rinunciato al torneo delle Next Gen per stanchezza dopo la lunga stagione. Fokina è figlio di padre di doppia nazionalità svedese e russa e di madre russa. Il padre Edvard era un pugile. Alejandro ha iniziato la stagione alla posizione numero 237 del Ranking ATP e occupa attualmente l’ottantasettesimo posto. Nell’ultima annata il tennista nato e cresciuto a La Cala del Moral vicino a Malaga ha raggiunto la prima semifinale della sua carriera al torneo di Estoril in Portogallo grazie al successo sul francese Gael Monfils.

Gruppo B 

Grande attesa del pubblico italiano per l’esordio dell’altoatesino Jannik Sinner, che giocherà nella serata inaugurale contro Frances Tiafoe in una rivincita della recente partita disputata al torneo di Anversa dove il diciottenne di Sesto Pusteria ha battuto lo statunitense originario della Sierra Leone. Nel torneo belga Sinner ha raggiunto la prima semifinale della sua carriera nel circuito ATP. Sinner, che ha compiuto 18 anni lo scorso 16 agosto, è il miglior giocatore nato nel 2001 ed è entrato per la prima volta in carriera nei top 100 del Ranking ATP. Ha ricevuto una wild card per giocare alle Next Gen Finals e occupa attualmente l’undicesima posizione della Race to Milan e il novantacinquesimo posto del Ranking ATP dopo aver raggiunto i quarti di finale nel torneo ATP 500 di Vienna. Ha vinto il suo primo match in un torneo Masters 1000 a Roma battendo Steve Johnson. Al debutto nel tabellone principale in un torneo del Grande Slam Jannik ha perso al primo turno contro Stan Wawrinka in quattro set. Jannik ha vinto i tornei Challenger di Bergamo e di Lexington e ha raggiunto la finale di Ostrava.

Il tennista altoatesino è stato campione italiano di slalom gigante a livello giovanile a 13 anni ma ha preferito il tennis perché lo sci era troppo pericoloso. La mamma lavora come cameriera e il padre fa il cuoco in un rifugio in Val Fiscalina. Nel 2014 Jannik ha lasciato l’Alto Adige per trasferirsi a Bordighera per allenarsi nell’Accademia del tennis di Riccardo Piatti, che lo segue insieme ad Andrea Volpini. Jannik Sinner: 

Sono il più giovane partecipante alle Next Gen Finals di Milano. Normalmente non ho molta pressione perché i miei avversari sono più grandi di me. Questa volta avrò più pressioni ma fa parte del gioco. 

Frances Tiafoe si è qualificato per le Next Gen ATP Finals per il secondo anno consecutivo. Nell’ultima edizione degli Australian Open lo statunitense ha battuto Kevin Anderson, Andreas Seppi e Grigor Dimitrov raggiungendo i quarti di finale di un torneo del Grande Slam per la prima volta in carriera. Al torneo di Miami della scorsa primavera Tiafoe ha battuto David Ferrer e David Goffin prima di perdere con Denis Shapvalov nei quarti di finale.

Il francese Ugo Humbert ha raggiunto la posizione numero 46 del ranking ATP lo scorso luglio dopo essersi qualificato per il quarto turno a Wimbledon battendo Felix Auger Aliassime. Negli ottavi di finale il transalpino è stato battuto da Novak Djokovic. Ugo ha iniziato a giocare a tennis da piccolo seguendo le orme di suo padre Eric. A 12 anni si è trasferito a Parigi per allenarsi sotto l’egida della Federazione Francese. Oltre al tennis Humbert coltiva la passione per la musica. Suona il pianoforte da quando aveva 5 anni.

Il ventunenne Mikael Ymer è salito al settantaquattresimo posto del Ranking ATP diventando il primo giocatore svedese ad entrare nei top 100 negli ultimi sette anni. Mikael e il fratello Elias (anche lui tennista professionista) sono figli di genitori etiopi emigrati in Svezia in cerca di un futuro migliore. Il padre Wondwoen Ymer era un mezzofondista di buon livello. Mikael, finalista al torneo juniores di Wimbledon nel 2015, ha vinto due tornei Challenger consecutivi in Francia a Orleans e a Mouilleron Le Captif. Mikael è la speranza per un rilancio del tennis nel paese scandinavo, che in passato produsse alcuni dei più grandi campioni di questo sport come Bjorg Borg, Stefan Edberg e Mats Wilander. Nell’ultima edizione del Roland Garros Ymer ha superato per la prima volta un turno a livello di tornei del Grande Slam prima di perdere contro Alexander Zverev nel secondo turno. La sua passione al di fuori del tennis è il calcio ed è un grande fan del grande calciatore svedese Zlatan Ibrahimovic.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.