Serie A, le pagelle di Milan-Lazio: Luis Alberto dispensa magie

La Lazio batte il Milan a San Siro e vola in zona Champions. Decisivi i gol di Immobile e Correa, inutile per i rossoneri l'autorete di Bastos.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La Lazio sbanca il San Siro rossonero dopo 30 anni nel posticipo di Serie A, batte il Milan e vola in zona Champions agganciando l'Atalanta e il Cagliari. Meglio il Milan nella prima frazione, più aggressivi, capaci di trovare spazio tra la linea di centrocampo e difesa degli avversari, ispirati soprattutto da Calhanoglu e da un Castillejo redivivo. La prima occasione però è laziale e si sviluppa sull'asse Luis Alberto-Immobile con il tiro del 17 biancoceleste che però viene intercettato da Donnarumma a terra. Lazio ancora pericolosa, ancora con il suo bomber che però trova la traversa. Il Milan risponde con Paquetá che innescato da Castillejo però passa di fatto la palla a Strakosha da posizione più che invitante. Il Diavolo è più intenso, sembra più presente fisicamente della Lazio, ma è la squadra di Inzaghi ad andare in vantaggio: Lazzari scappa alle spalle di Theo Hernandez, crossa al centro e Immobile è letale in anticipo su Duarte.

Per lui è il centesimo gol con l'aquila sul petto. Il Milan risponde subito e trova il pari con un autorete di Bastos che rimane troppo distante da Piatek e devia nella propria porta il cross di Krunic. La rete ridà fiducia ai rossoneri e sfiora il vantaggio prima con Rebic, entrato al posto dell'infortunato Castillejo, e poi con una conclusione direttamente da angolo di Calhanoglu che Strakosha salva sulla linea. La Lazio risponde trascinata da un grande Luis Alberto che con una giocata super manda in porta Corre che però non calcia e grazia Donnarumma. 

Secondo tempo che ricomincia su ritmi sempre alti e Pioli si gioca quasi subito la carta Leao al posto di Paquetá mandando un messaggio d'attacco ai suoi. Milan pericoloso con un colpo di testa di Romagnoli da corner che però finisce alto. Poi Piatek riceve da Leao e scarica di sinistro sull'esterno della rete. Inzaghi corre ai ripari e toglie Immobile (acciaccato) e uno spento Milinkovic, dentro Parolo e Caicedo. La partita è viva e Calhanoglu testa Strakosha con una punizione dai venticinque metri troppo centrale. La Lazio protesta, a ragione, per una trattenuta di Duarte su Correa che s'era lanciato a rete, Calvarese non fischia e sbaglia: sarebbe stata punizione e secondo giallo per il difensore rossonero. Biancocelesti pericolosi con un'incursione di Luis Alberto e Donnarumma è attento a parare a terra e sul corner l'uscita errata del portiere del Milan concede ad Acerbi l'occasione per girare in porta, ma Donnarumma recupera e manda ancora in angolo. La Lazio cresce e in ripartenza trova l'1-2 con Correa che sfrutta l'assist super di Luis Alberto e davanti a Donnarumma è freddo e non sbaglia. È il gol che decide la partita e manda la Lazio in zona Champions. Per il Milan ora è di nuovo buio pesto. 

Serie A, Correa in azione
Serie A, le pagelle di Milan-Lazio

Serie A, le pagelle di Milan-Lazio

Milan (4-3-3): Donnarumma 6; Calabria 5, Duarte 5, Romagnoli 6,5, Theo Hernandez 5,5; Paquetà 6 (52' Leao), Bennacer 6, Krunic 6 (85' Bonaventura sv); Castillejo 6,5 (35' Rebic 5,5), Piatek 5,5, Calhanoglu 6,5. All. Pioli 5,5

Lazio (3-5-2): Strakosha 6,5; Bastos 6, Acerbi 6,5, Radu 6,5; Lazzari 6,5, Milinkovic-Savic 5,5 (60' Parolo 6), Leiva 6, Luis Alberto 7,5, Lulic 6,5; Correa 6,5, Immobile 7 (60' Caicedo 6; 81' Cataldi sv). All. Inzaghi 7

I migliori 

Luis Alberto 7,5

Una partita da dominante. Parte un po' pigro, nei primi dieci minuti perde un paio di palloni pericolosi, poi sale in cattedra e dirige l'orchestra alla perfezione. Tecnica e tempi di gioco da grande giocatore. Manda in porta i compagni con facilità disarmante. L'assist per il vantaggio firmato Correa, con un no look, è da manuale del calcio. 

Immobile 7

Tredicesimo gol in questa Serie A, centesimo con la maglia della Lazio, rapace nell'avventarsi sul cross di Lazzari e trafiggere Donnarumma con una gran girata di testa. Si abbassa, fa gioco, aiuta e quando s'accende in avanti è sempre una minaccia per gli avversari, tanto che sfiora un altro gol che gli viene negato dalla traversa. Esce perché sente un problema alla coscia. 

Calhanoglu 6,5

Un moto perpetuo, abbina quantità e qualità. Il migliore dei suoi, sia da esterno offensivo che da mezzala. Rischia di mettere il timbro sulla partita direttamente da corner e serve una grande parata di Strakosha sulla linea. Cala un po' nel finale, ma è comprensibile. 

I peggiori

Milinkovic-Savic 5,5

Non è la sua partita. Non entra mai in gara, fatica a imporsi anche perché Krunic lo francobolla e non lo lascia respirare. Perde tanti palloni, fa errori tecnici non da lui ed è una cosa sorprendente, così come il suo non impatto fisico sul match. Ha il merito di chiudere un'azione pericolosa del Milan. Ammonito, Inzaghi lo sostituisce dopo un'ora. 

Calabria 5 

Da quella parte scivola spesso Immobile e va dialogare con Luis Alberto e con Paquetá che aiuta poco sono dolori. Va in grave difficoltà, anche psicologica, San Siro lo fischia e lui sbaglia tantissimo anche tecnicamente. Un po' meglio nella ripresa, soprattutto quando esce Immobile. Ma non può bastare. 

Duarte 5

Si fa bruciare da Immobile in occasione dell'1-0, non che sia facile marcare l'attaccante della Lazio, ma lui rimane staccato e viene punito. Nella ripresa, già ammonito, rischia tantissimo trattenendo Correa. Sarebbe stato fallo e doppio giallo. Calvarese però non vede e per lui è una fortuna. Si ferma sull'assist di Luis Alberto e lascia a Correa lo spazio per raddoppiare. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.