Juric: "Niente cori razzisti a Balotelli, non diciamo cazzate"

Le reazioni dopo l'episodio che ha portato alla sospensione per tre minuti della partita tra Verona e Sampdoria.

3 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Verso il 20' del secondo tempo della partita di Serie A tra il Verona e il Brescia, la reazione rabbiosa di Mario Balotelli ha portato alla momentanea sospensione della gara. Secondo il giocatore bresciano, dalla curva dell'Hellas sarebbero arrivati dei cori razzisti nei suoi confronti, che però non erano stati ravvisati dall'arbitro.

Al termine della partita di Serie A, per parlare dell'argomento, si è presentato di fronte ai microfoni anche l'allenatore del Verona, Juric:

Non ho paura di dirlo, oggi non c'era niente, nessun urlo razzista. Grandi fischi e sfottò nei confronti di un grandissimo giocatore, ma non c'era assolutamente niente. Non c'era proprio niente. Grandi fischi, io sono croato e mi prendo "zingaro di merda" e so bene tutto il clima in Italia, lo conosco, dare colpa allo straniero è sempre più semplice. Ma non c'era niente. C'era grande sfottò e fischi quando aveva la palla, ma nient'altro.

Serie A, Verona-Brescia: fischi a Balotelli

Juric ha poi proseguito:

Quando ci sono cori razzisti non ho nessun motivo per non dirlo, visto che me li prendo sempre anche io. Ululati non ce ne sono stati. È una bugia. Non diciamo cazzate, non ho sentito niente. Sento grandi fischi, non ululati. Lo avrei detto, perché anche se sono miei tifosi mi fanno schifo quelli che fanno certe cose, è inaccettabile nel 2019. Ma oggi non c'era niente. La reazione di Balotelli? Dovete chiederla a lui. Non creiamo casi dove non ci sono. Se lui scaglia il pallone lontano è un problema suo, non nostro.

A parlare per il Brescia, l'allenatore Eugenio Corini:

Ha detto ai miei collaboratori che qualcosa ha sentito durante la partita. L'arbitro ha gestito bene, ed è stato bravo Mario a tornare sereno, rimettersi in partita e tornare a giocare. 3-0 a tavolino? Penso di essermi spiegato bene, inutile continuare a rimarcare questo tipo di situazione. Prima e dopo è filato via tutto liscio, da entrambe le tifoserie. C'è tanto di bello dentro questa cosa e mi concentrerei su questo.

Il presidente Setti: "Tifosi Verona sono ironici, non razzisti"

Il presidente Setti torna a parlare a nome del Verona:

Mi associo a quello che ha detto il mister, noi tutti non abbiamo sentito nulla. So come funziona, quando sono arrivato a Verona. I tifosi sono particolari, hanno un modo ironico di prendere in giro la gente. Poi se due persone hanno fatto qualcosa di diverso li prendiamo e li impicchiamo davanti a tutti. Ma se ci vogliamo ricordare di Verona di 30 anni fa ok, ma se vogliamo parlare del calcio moderno, siamo un club, un pubblico, che ha nel dna dello sport puro. Abbiamo tantissimi giocatori di colore e il razzismo lo condanniamo. E lo ribadisco, non abbiamo sentito nulla in campo. La reazione di Balotelli? C'è un problema, se due persone fanno in modo che i giornalisti creino degli articoli sul razzismo a Verona, allora che vadano a farlo da un'altra parte. Non possiamo fare lo screening di tutti quelli che entrano. La nostra curva è ironica, non è razzista.

Come risolvere questo problema del razzismo?

Le formule sono molto semplici: riuscire a individuare i singoli e radiarli dal calcio. Questo aiuterebbe anche gli altri. Conosco Mario, è un ragazzo sensibile, ma per come era partito, forse qualcosa gli è andato oltre. Se fa un gesto così un giocatore importante viene raccolto di più dai giornalisti. Se lo facesse un ragazzino si partirebbe a giocare un minuto dopo. Io ribadisco che oggi a Verona non è successo nulla. Quando si parla di un campione come lui, che è particolare, la sua storia lo dice, si dà più peso a certe situazioni. Se c'è stato uno che ha sbagliato mi dispiace. Ho incontrato Balotelli, gli ho detto "scusa se qualcuno ha detto qualcosa, ma noi non abbiamo sentito". Non voglio dire che abbia sentito fischi per fiaschi, ma voglio solo che non vengano estremizzate certe cose.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.