Inzaghi: "Non mi fido del Milan. Il Var? Noi abbiamo fatto scuola"

Il tecnico dei biancocelesti non si fida dei rossoneri: "Una squadra che ha tenuto la rosa del quinto posto della scorsa stagione e ha perso solo Cutrone ma si è rafforzata con cinque pezzi pregiati".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Prima della partita di Serie A contro il Milan a San Siro, l'allenatore della Lazio Simone Inzaghi ha parlato della sfida nella consueta conferenza stampa della vigilia. Il tecnico biancoceleste, reduce dalle vittorie con Fiorentina e Torino, non intende sottovalutare l'avversario:

Non mi fido di questo Milan, una squadra che ha tenuto la rosa del quinto posto della scorsa stagione e ha perso solo Cutrone ma si è rafforzata con cinque pezzi pregiati.

Domani sarà una nuova occasione per tentare di sfatare un tabù che va avanti ormai da 30 anni:

I tabù esistono per essere sfatati, daremo il massimo sapendo che in questi 3 anni e mezzo abbiamo fatto meglio le partite in cui abbiamo giocato con personalità. Il Milan è una squadra forte, di valore, con un ottimo tecnico e un pubblico sempre numeroso.

Serie A, Milan-Lazio: la conferenza di Simone Inzaghi prima del match

A San Siro ci sarà anche la sfida nella sfida contro il suo predecessore sulla panchina della Lazio, Stefano Pioli:

Verso di lui nutro una grande stima, abbiamo lavorato qui insieme quando io ero in Primavera. Un allenatore preparato, dà organizzazione.

Quando gli viene domandato un parere sulle tante polemiche sul Var, poi, Inzaghi replica così:

Tre anni fa abbiamo fatto scuola e ci abbiamo rimesso sulla nostra pelle. È uno strumento che può aiutare e che va usato ed è giusto per valutare fuorigioco e dati oggettivi, ma abbiamo ottimi arbitri e devono rimanere loro a gestire le partite.

Infine una battuta su Immobile, attuale capocannoniere della Serie A:

Ciro ha battuto tutti i record con la Lazio. Penso possa fare di più, ce l'ha nel sangue, la Lazio la sente come casa sua. Stimato da tutti, ambiente, staff e tifosi. Lo vedo sempre voglioso, nonostante i 29 anni ha voglia di migliorarsi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.