De Laurentiis chiede rispetto per il Napoli: telefonata a Gravina

Come riportato dal Corriere dello Sport, il patron azzurro ha telefonato al presidente della Figc per chiedere equità di trattamento.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Un finale così caotico in una partita di Serie A non si vedeva da tempo, così come un Carlo Ancelotti così infuriato per una decisione arbitrale. Il contatto tra Llorente e Kjaer non sanzionato con un calcio di rigore da Giacomelli e il successivo gol del pareggio di Ilicic hanno reso incandescente la conclusione di Napoli-Atalanta.

E non solo quella, perché come prevedibile gli strascichi della polemica continuano a prolungarsi anche nei giorni successivi.

Dopo le parole a caldo di De Laurentiis e Ancelotti, il presidente del club azzurro - come riportato dal Corriere dello Sport - ha rincarato la dose, telefonando direttamente al presidente della Figc, Gabriele Gravina, al fine di chiedere maggiore equità e rispetto per la sua squadra.

Serie A, De Laurentiis chiama Gravina

Tra gli episodi contestati, quello che in particolare non avrebbe digerito De Laurentiis sarebbe proprio la squalifica del suo allenatore (che quindi non potrà esserci per la prossima sfida con la Roma all'Olimpico), dopo il suo ingresso in campo per parlare con il direttore di gara e tentare di sedare gli animi surriscaldati dei suoi giocatori.

Tra le sue richieste espresse al presidente della Figc Gravina, il patron del Napoli ha inserito anche il desiderio di ripartire da zero nell'universo del calcio italiano. Insomma, la polemica per il finale della partita di Serie A tra Napoli e Atalanta è ancora accesissima.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.