Sarri: "Juventus, basta cali mentali. Il VAR? Non mi piace"

La conferenza stampa del tecnico bianconero alla vigilia del derby contro il Torino.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Alla vigilia del derby di Torino valido per l'undicesima giornata di Serie A, ha parlato in conferenza stampa il tecnico della Juventus Maurizio Sarri: 

Il derby non è mai una partita normale, chiaramente questo vale più per il Torino. In questo momento le partite sono tutte importanti, ma questa lo è sia per i punti che per quel che rappresenta. Spero che questo ci aiuti a non subire cali mentali. Questa è sempre una partita a sé, il derby ha una storia a parte. Mi attendo un Torino con grandi motivazioni

Su Pjanic: 

Non so se ci sarà, si è allenato sempre a parte. È in corso la riunione tra preparatori e medici, decideranno se farlo allenare con il gruppo

Sul viaggio fatto a Superga col Napoli:

Ci venimmo per un paio d'anni a maggio, proprio nei giorni in cui si commemorava uno dei miti del calcio italiano. Mi sembrava doveroso onorarlo. Andrò nuovamente a Superga a maggio 

Sui movimenti degli attaccanti: 

Ronaldo privilegia partire da centro-sinistra ma non da esterno, Dybala da centro-destra ma non da esterno. Quindi abbiamo sempre almeno un attaccante adatto a giocare con il 4-3-1-2 e non con il 4-3-3

Sul possibile sostituto di Alex Sandro e su Ramsey:

Dipende dalla partita. A sinistra stiamo provando più De Sciglio che Danilo. Per quanto riguarda Ramsey, se considero il tempo in cui si è allenato posso dire che sta bene. Non so quanto possa durare in partita

Sull'idea di rendere il VAR a chiamata: 

No, me ne servirebbero 7/8 e sarei a rischio espulsione. È in generale una cosa su cui non ho posto il mio pensiero. Mi piace di più quando l'arbitro decide in campo. Ora le regole sono queste, non tutte condivisibili. Nonostante mi informi, queste regole sul fallo di mano ad esempio non le capisco. Ma dobbiamo abituarci, anche nella vita di tutti i giorni ci sono leggi assurde ma non è che posso farmi arrestare per questo. Se mi chiedete se mi piace vi dico di no, perché il VAR era stato chiamato per errori macroscopici, invece viene chiamato varie volte a partita. In Europa se ne fa un uso molto più limitato

Su Higuain: 

Gonzalo è un grandissimo calciatore, ha vissuto un anno difficile ma in estate l'ho visto molto motivato. Quando sta così è un giocatore importantissimo

Su Mazzarri: 

Siamo toscani ma non vicinissimi. Ci siamo affrontati pochissimo, ma bisogna portare grandissimo rispetto a Mazzarri. Ha fatto benissimo a Napoli e quello di Torino è un ciclo importantissimo. Ho grande considerazione di Mazzarri, penso ce l'abbia anche il popolo granata

Sui derby vissuti a Londra: 

A Londra si vivono diversamente, anche perché ne sono tanti. Per il Chelsea il vero derby era contro il Tottenham. Lo vivrò in maniera normale, sarò il più sereno e tranquillo possibile

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.