WWE Crown Jewel 2019, tutti i risultati, foto e highlights ufficiali

Al King Saud University Stadium di Riyad (Arabia Saudita) sono attesi i debutti ufficiali nel mondo dello sport di intrattenimento di Tyson Fury e Cain Velasquez.

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Crown Jewel è uno degli eventi più attesi nel 2019 del wrestling WWE: al King Saud University Stadium di Riyad (Arabia Saudita) sono attesi i debutti ufficiali nel mondo dello sport di intrattenimento di Tyson Fury e Cain Velasquez, che affronteranno rispettivamente Braun Strowman e Brock Lesnar.

Per l’ex fighter MMA si tratta di un rematch della sfida avvenuto in UFC il 23 ottobre 2010, quando fu proprio il messicano a sottrarre il titolo di campione a Lesnar: potrebbe succedere la stessa cosa stasera, quando sarà in palio il titolo WWE.

Uno spettacolo che includerà anche la sfida 5 vs 5 fra team che saranno guidati da leggende come Hulk Hogan e Ric Flair: dalla parte di The Immortal ci saranno Ali, Ricochet, Rusev, Shorty G e il capitano Roman Reigns, mentre per il Nature Boy il capitano sarà Randy Orton e con lui vedremo in azione Drew McIntyre, Bobby Lashley, Shinsuke Nakamura e King Corbin.

WWE, la locandina di Crown Jewel 2019WWE
WWE Crown Jewel 2019, la locandina

WWE Crown Jewel 2019, tutti i risultati

E poi ovviamente il match femminile, il primo della storia WWE in Arabia Saudita, quello tra Natalya e Lacey Evans. Questo e tanto altro su Crown Jewel, il ppv che sta infiammando Halloween in casa WWE e che vi racconteremo come sempre in diretta scritta qui su FOXSports.it a partire dalle 17 (orario di inizio del kickoff, visibile gratuitamente qui sotto, mentre dalle 18 inizia il ppv vero e proprio).

Kickoff

Inizia il kickoff di Crown Jewel 2019, ci siamo! Clicca sul tasto play qui sotto per vederlo gratuitamente sul WWE Network. Si parte con il primo match, la Battle Royal a 20 uomini che determinerà il prossimo sfidante di AJ Styles per la United States Championship nel corso del ppv. I partecipanti fanno i loro ingressi e sono Sunil Singh, Mojo Rawley, Erick Rowan, R-Truth, Sin Cara, The Brian Kendrick, Titus O’Neil, Akita Tozawa, Tony Nese, Shelton Benjamin, Apollo Crews, Buddy Murphy, Andrade ,Drake Maverick, Eric Young, Luke Harper, Cedric Alexander, Heath Slater, Humberto Carrillo e No Way Jose.

Mentre sul ring sono rimasti solo Luke Harper, Erick Rowan e Humberto Carrillo, R-Truth ne approfitta per riprendersi la 24/7 Championship rubandola a Sunil Singh.

La Battle Royal prosegue, Erick Rowan ordina a Luke Harper di sbarazzarsi di Humberto Carrillo, ma ne approfitta per tradire l'ex tag team partner. L'ex NXT riesce a sfruttare il momento e buttare fuori dal ring subito dopo lo stesso Rowan, aggiudicandosi così la possibilità di sfidare AJ Styles per il titolo degli Stati Uniti.

Brock Lesnar (c) vs Cain Velasquez

Si parte subito con il botto, in palio la WWE Championship. Brock Lesnar, accompagnato al suo angolo da Paul Heyman, affronta il debuttante in WWE Cain Velasquez, con Rey Mysterio al suo angolo. Il match inizia con i due colossi che cercano di mantenere la posizione, fino a quando Velasquez riesce a mandare al tappeto Lesnar. The Beast riesce però a trasformare una situazione di svantaggio in una presa di sottomissione, la Kimura Lock, che porta al cedimento quasi immediato da parte dello sfidante.

Brock si conferma così campione WWE, ma dopo decide di infierire, non abbandonando la presa. Rey Mysterio interviene colpendolo con una sedia, ma Lesnar lo butta fuori dal quadrato e utilizza l'arnese per colpire ancora Velasquez. Il wrestler di San Diego allora prende un'altra sedia e riesce a mettere in fuga il campione WWE. Il titolo però rimane ben saldo alla sua vita.

Tag Team Turmoil match per la WWE World Cup

Siamo arrivati al momento del più grande Tag Team Turmoil Match della storia della WWE, quello che mette in palio il titolo "Tag Team World Cup". La sfida a eliminazione parte con due cppie sul ring, Lucha House Party (composto da Gran Metalik e Lince Dorado) e Robert Roode e Dolph Ziggler.

Robert Roode e Dolph Ziggler eliminano Lucha House Party

Dopo l'eliminazione dei Lucha House Party arrivano Zack Ryder e Curt Hawkins, che hanno però vita breve. Ziz Zag su Zack Ryder e conteggio di tre.

Robert Roode e Dolph Ziggler eliminano Zack Ryder e Curt Hawkins

Arriva il momento dell'ingresso degli Heavy Machinery. Otis e Tucker, acclamati dal pubblico, riescono ad aver la meglio.

Heavy Machinery eliminano Robert Roode e Dolph Ziggler

Ed ecco altri beniamini del pubblico, tocca al New Day. E con lo schienamento di Kofi su Tucker dopo una frazione di match combattuta si aggiudica il passaggio del turno.

The New Day eliminano gli Heavy Machinery

Arriva il B-Team, ma la permanenza sul ring di Bo Dallas e Curtis Axel dura pochissimo. Vanno avanti Kofi e Big E.

The New Day eliminano il B-Team

Ed ecco che arrivano i campioni di coppia di SmackDown, The Revival. Quest'ultimi vengono eliminati, ma non la prendono bene e infieriscono sui vincitori, che vengono lasciati al tappeto.

The New Day eliminano The Revival

Provano subito ad approfittarne The OC, ma Kofi riesce incredibilmente a non farsi schienare subito. Al secondo tentativo però non può fare niente, passano il turno Gallows e Anderson.

The OC eliminano The New Day

Ora è il turno dei campioni di coppia di Raw, i Viking Raiders. Si tratta del match finale, che viene vinto un po' a sorpresa da Gallows e Anderson, che diventano così campioni del mondo Tag Team.

The OC eliminano i Viking Raiders e si laureano campioni.

Rey Mysterio avverte Brock Lesnar

Viene intervistato nel backstage Rey Mysterio, che in spagnolo avverte Brock Lesnar che tra loro non è ancora finita: "La pagherai, questa non è una minaccia, non è un avviso. Questo è uno spoiler. La pagherai".

Cesaro vs Mansoor

Siamo arrivati al momento di uno degli incontri più attesi dal pubblico locale, quello con l'idolo di casa Mansoor. Inevitabile la vittoria dell'atleta saudita, che arriva dopo un match veramente intenso e spettacolare disputato contro Cesaro. Subito dopo il Moonsault che vale il conteggio di tre, ovazione di tutto il King Saud University Stadium per il wrestler di casa.

Braun Strowman vs Tyson Fury

Tyson Fury è pronto al debutto nel ring, che avviene con un ingresso trionfale e un vestito da sceicco, con Braun Strowman ad attenderlo sul ring. L'incontro è molto lento, i due giganti cercano di sfruttare la loro forza. Il pugile riesce a vincere il suo incontro colpendo con un pugno sul volto il Monster among men, un colpo che gli impedisce di tornare sul ring prima del conteggio di 10, dando così la vittoria a Gypsy King per count-out. Proprio mentre esultava, però, l'inglese viene preso da Braun Strowman, che esegue su di lui la sua Powerslam.

AJ Styles (c) vs Humberto Carrillo

Titolo degli Stati Uniti in palio, AJ Styles (con The OC a supporto) affronta il vincitore della Battle Royal a 20 uomini, Humberto Carrillo. E The Phenomenal si conferma campione, riuscendo a battere lo sfidante al termine di un altro gran bell'incontro di questa edizione di Crown Jewel.

Natalya vs Lacey Evans

A Crown Jewel si fa la storia, Natalya e Lacey Evans danno vita al primo match femminile di wrestling Arabia Saudita. Le due ovviamente non sono vestite come sempre, ogni parte del corpo è completamente coperta a eccezione delle mani e del volto. E anche i loro ingressi sono decisamente più sobri rispetto al normale.

Ma quel che conta è il risultato finale, un bell'incontro apprezzato dal pubblico, che si conclude con la vittoria di Natalya per sottomissione. Al termine della sfida le due si abbracciano e alzano insieme le braccia al cielo, commuovendosi visibilmente. A prescindere dalla vincitrice, quello a cui hanno dato vita è un qualcosa di storico, e non solo per la WWE. Una vittoria per tutti.

Team Flair vs Team Hogan

È il momento del match tra il Team Flair e il Team Hogan, con tutti gli atleti che fanno i loro ingressi sul ring. Da una parte Drew McIntyre, Bobby Lashley, Randy Orton, Shinsuke Nakamura e King Corbin, dall'altra Roman Reigns, Ricochet, Ali, Rusev e Shorty G. All'interno dell'incontro prosegue la rivalità tra Bobby Lashley e Rusev, con il bulgaro che tenta sempre di arrivare a contatto (invano).

Dopo una prima fase di dominio assoluto del Team Flair, a far risalire le quotazioni del Team Hogan ci pensa l'ingresso di Roman Reigns (accolto dall'ovazione del pubblico). A partire da quel momento si scatena il caos, l'arbitro perde completamente il controllo e si fatica a capire chi siano gli uomini legali sul ring. Rusev ne approfitta per attaccare finalmente Bobby Lashley, Roman Reigns per isolare Randy Orton sul ring e provare la sua Spear. The Viper però non ci casca e assesta la sua RKO, anche se il conteggio dell'arbitro si ferma a due.

Randy ragiona sul da farsi, ma perde troppo tempo per attaccare nuovamente il Big Dog. Così Short G, Ricochet, Ali e Rusev ne approfittano per distrarlo e attaccare gli altri componenti del Team Flair, lasciando campo libero a Reigns sul ring, che va a segno con la sua Spear che vale il conteggio di tre.

Seth Rollins (c) vs "The Fiend" Bray Wyatt

Main event di questa edizione di Crown Jewel, Seth Rollins di nuovo a confronto con "The Fiend" Bray Wyatt, con in palio il titolo universale. Si tratta di un Falls Count Anywhere match, che non potrà essere interrotto per nessun motivo. Dopo aver allestito tavoli, sedie e aver portato il match in modo stabile fuori dal ring, Seth ricorre ancora una volta al martello, ma Wyatt riesce a evitare di essere colpito con la sua testa incastrata in una sedia.

The Fiend capovolge così l'inerzia e riesca anche a lanciare The Beastslayer dalla terza corda su un tavolo, facendoglielo infrangere. Poi tenta la Sister Abigail sullo stage senza protezioni, ma Rollins riesce a evitarla e va a segno con lo Stomp. Non è comunque sufficiente per il conteggio di tre. A seguire anche Wyatt riesce a connettere la Sister Abigail, anche in questo non sufficiente per vincere.

La sfida si sposta vicino all'ingresso degli atleti, in cima alla pedana. Seth Rollins assesta il suo ottavo Stomp dell'incontro, ma The Fiend continua a alzarsi come se non avesse subito alcun colpo. The Architect lo colpisce con una serie di Superkick, facendolo cadere dentro delle strutture elettriche che prendono fuoco, tanto da rendere necessario l'intervento di un addetto con l'idrante per spegnere le fiamme. Rollins scende di corsa per andare a chiudere l'incontro, ma The Fiend appare da dietro quelle casse e sorprende The Beastslayer, eseguendo subito dopo una nuova Sister Abigail. È quella vincente, che gli consente di prendersi il conteggio di tre e, soprattutto, di conquistare l'Universal Championship, che passa così da Raw a SmackDown!! Adesso il roster rosso non ha più il suo titolo principale.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.