Marcelo: "Prima della finale di Champions ebbi un attacco di panico"

Il terzino del Real Madrid svela cosa successe prima della sfida col Liverpool a Kiev: "Non riuscivo più a respirare".

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

Anche i giganti del calcio si possono riscoprire fragili prima dei grandi eventi della loro carriera. Lo ha spiegato un campione come Marcelo che ha svelato un retroscena avvenuto prima della finale di Champions League vinta dal suo Real Madrid contro il Liverpool ormai un anno e mezzo fa.

Il terzino dei Blancos ha parlato in una lunga lettera scritta per The Player’s Tribune e ha spiegato cosa gli stava per costare la partita che permise alla sua squadra di vincere per il terzo anno consecutivo la coppa.

Tutto cominciò la notte prima, quando non riuscivo né a mangiare né a dormire perché ero preoccupato.

Secondo le rivelazioni fatte dal brasiliano, l'attacco che lo colpì a Kiev mise a rischio anche la sua partecipazione alla partita vinta 3-1 grazie al gol di Benzema e alla doppietta di Bale (aiutati anche dagli errori di Karius).

Marcelo prima di Liverpool-Real Madrid
Marcelo svela di aver avuto una crisi prima di Liverpool-Real Madrid

Marcelo svela: "Prima della finale col Liverpool ebbi un attacco di panico"

A provocare questo problema a quanto pare fu la tantissima pressione causata dalla possibilità di entrare nella storia ancora una volta vincendo la Champions League per la terza volta di fila.

Non riuscivo proprio a respirare, avevo il petto bloccato e il panico mi assalì. Non si trattava solo di nervosismo, pensai di chiamare un medico ma avevo paura non mi facesse giocare. Quando puoi entrare nella storia senti il peso della responsabilità: non respiravo anche quando siamo entrati in campo e non capivo cosa stava accadendo, fortunatamente iniziammo e non ho pensato più a nulla. Pochi giorni prima un ex giocatore del Real Madrid mi criticò e mi mancò di rispetto, entrai in campo per fare la storia ed essere ricordato come viene ricordato Roberto Carlos in Brasile.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.