Ali Adnan in piazza a Baghdad: cibo distribuito ai manifestanti

"Chiunque sarebbe disposto ad aiutare la propria gente", ha dichiarato il giocatore.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Una situazione scomoda, quella che sta vivendo l'Iraq, con le politiche di Adel Abdul Mahdi, primo ministro, troppo restrittive. Così il popolo è sceso in piazza per manifestare contro il primo ministro, ma anche contro corruzione e carenza di pubblici servizi. In mezzo alla gente anche Ali Adnan Kadhim Al-Tameemi, vecchia conoscenza del calcio italiano che ha vestito le maglie di Atalanta e Udinese.

Oggi Ali Adnan è un giocatore del Vancouver Whitecapis, squadra che gioca la MLS, in cui ricopre il ruolo di esterno sinistro. Il giocatore ha preso parte alla manifestazione svoltasi oggi a Baghdad per supportare la propria gente con un piccolo gesto: distribuire cibo.

Ali Adnan tra i manifestanti a Baghdad

Dall'inizio delle manifestazioni, in Iraq sono morte più di 250 persone, numero che testimonia come la repressione sia violentissima. La gente è senza casa e soprattutto senza cibo, scende in strada per chiedere che vengano rispettati i loro diritti ma il governo continua con la sua politica serrata, repressiva. 

Ali Adnan però non si è fatto intimorire e così è sceso in piazza, bandana in testa e un pentolone pieno di riso da distribuire ai manifestanti. Lo stesso giocatore ha dichiarato di sostenere la propria gente ai microfoni di Gazzetta.it:

Ho fatto una cosa normale, suggerita dal cuore: penso che chiunque sia disposto ad aiutare la propria gente. Insieme alla mia famiglia, abbiamo iniziato al mattino presto per finire verso sera: è il minimo che potessimo fare.

L'ex difensore di Udinese e Atalanta, però, non cerca le luci della ribalta ma vuole solo aiutare il proprio popolo attraverso un gesto che, afferma, dovrebbe venire spontaneo:

Non voglio complimenti o parole dolci nei nostri confronti. Lo voglio ripetere, per noi è stato un gesto normalissimo. Tutti possono dare una mano, il numero di chi ha bisogno di aiuto aumenta ogni ora.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.