Razzismo, punita la Bulgaria: porte chiuse con la Repubblica Ceca

L'UEFA "grazia" la Nazionale dopo i gesti visti nella sfida contro l'Inghilterra: evitata l'esclusione da Euro2020.

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

L'UEFA ha deciso di punire la Nazionale bulgara dopo gli episodi di razzismo visti nella sfida casalinga contro l'Inghilterra: la prossima partita del girone di qualificazione a Euro2020 (quella del 17 novembre contro la Repubblica Ceca) sarà giocata a porte chiuse, sanzione a cui si aggiungono 2 anni di sospensione cautelare e una multa da circa 85.000 alla Federcalcio.

In questo modo, se ci saranno nuovi episodi del genere nei match della Bulgaria, scatterà automaticamente un'altra partita casalinga a porte chiuse. Una punizione che suona quasi lieve se si pensa al caso sollevato settimane fa.

Gli orribili cori accompagnati da saluti romani dei tifosi bulgari in occasione della partita con la Nazionale inglese infatti hanno messo l'intera federazione nella bufera, al punto da portare alle dimissioni del commissario tecnico Krasimir Balakov e del presidente federale Mihaylov.

Krasimir Balakov durante Bulgaria-Inghilterra
Il ct bulgaro Krasimir Balakov si è dimesso dopo Bulgaria-Inghilterra

Razzismo, l'UEFA punisce la Bulgaria: la sfida con la Repubblica Ceca si giocherà a porte chiuse

Per i cori che hanno portato alla sospensione della partita circolava addirittura l'ipotesi di un'esclusione della Bulgaria da Euro2020. Per questo motivo la sanzione data dall'UEFA può essere considerata addirittura un sollievo visto l'appello fatto da Hristo Stoichkov che chiedeva di non permettere alla Nazionale di partecipare alla competizione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.