Fonseca: "Roma, devi ambire a vincere sempre"

Le parole del tecnico giallorosso in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro l'Udinese.

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Alla viglia della sfida contro l'Udinese, valida per la decima giornata di Serie A e in programma alla Dacia Arena, ha parlato in conferenza stampa l'allenatore della Roma Paulo Fonseca, che ha esordito parlando del rientrante Cengiz Under:

Sì, Under è pronto, si è allenato con la squadra negli ultimi giorni ed è a disposizione. Non può giocare dall'inizio domani. Può essere impiegato in diverse posizioni, è importante per molti momenti della partita. 

Sull'Udinese, reduce dalla pesantissima sconfitta per 7-1 in casa dell'Atalanta:

Sarà una partita diversa da quella. Io so che l'Udinese è una squadra più forte, prima di quella gara aveva la migliore difesa del campionato. Sono forti fisicamente e difendono in maniera compatta, in contropiede sono forti con giocatori veloci. Mi aspetto una partita molto difficile. Rispetto al Milan sarà diverso

Su Mancini che sta giocando a centrocampo vista l'emergenza:

Ho pensato che in questa situazione d'emergenza bisogna avere un giocatore aggressivo e forte in questa posizione. Penso che Mancini sia bravo in fase di costruzione, era la migliore soluzione possibile al momento

Su Florenzi e Kolarov:

Lui è il nostro capitano, un bravissimo giocatore che si allena sempre al massimo. Contro Borussia e Milan ho pensato ad un'altra soluzione per la squadra, non ha giocato prima ma giocherà in futuro, sicuramente. Se può riposare Kolarov? No (ride, ndr), così come non possono riposare Pastore e Perotti. Nessuno può riposare. Non credo che cambierò molto rispetto alle ultime uscite 

Sui calci piazzati di Veretout:

Non è una casualità, abbiamo giocatori forti sui palloni alti in questo momento. Dobbiamo continuare così

Sull'atteggiamento che vuole:

Contro la Sampdoria non ho visto ambizione e ho parlato con i ragazzi di questa cosa: chi gioca qui non deve pensarla in maniera diversa. Si deve sempre lottare, correre e ambire a vincere sempre. Per me è molto importante. Il campionato italiano è troppo difficile, per tutti. Tutte le squadre hanno qualità, anche l'ultima in classifica può battere la prima. Abbiamo una squadra forte ma è complicato vincere, ogni partita ha sempre una storia diversa. Dobbiamo migliorare dal punto di vista della strategia

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.