Inzaghi: "Onore a questi ragazzi. Il rigore? Doveva tirarlo Immobile"

Le parole dell'allenatore biancoceleste dopo la vittoria sulla Fiorentina.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Come sempre senza voce al termine della partita, Simone Inzaghi è ovviamente soddisfatto per la vittoria per 2-1 in casa della Fiorentina in questa nona giornata di Serie A. La sua Lazio ha meritato ai punti il successo e si è rilanciato in campionato, dove è soli due punti dal quarto posto del Napoli:

Diciamo che è stata importante, una vittoria meritata a parere mio, sempre condotta. Il più delle volte quando conduci le partite alla fine le vinci. Venivamo da giovedì in Europa League, quando i ragazzi sono stati bravissimi ma non sono riusciti a prendere i tre punti. Siamo tornati venerdì alle 17 da Glasgow, non era semplice preparare la partita in un giorno e mezzo. Onore a questi ragazzi, che hanno giocato contro una squadra organizzata e con un pubblico caldo che li ha incitati dall'inizio alla fine.

Anche stavolta, però, si è visto il solito errore della Lazio, quello di non chiudere le partite quando ne ha l'opportunità:

Dobbiamo lavorare sui nostri difetti e ci stiamo lavorando. Ero tranquillissimo stasera, quando vedo giocare la squadra come a Glasgow vuol dire che le cose vanno bene. Penso che finora abbiamo sbagliato due tempi con Atalanta e Bologna, poi abbiamo sempre condotto noi le gare. Abbiamo 15 punti ma dovremmo averne molti di più per quello che abbiamo fatto. Non ci dobbiamo abbattere e continuare su quello in cui crediamo.

Serie A, Fiorentina-Lazio: le parole di Simone Inzaghi

Al termine della partita di Serie A tra Fiorentina e Lazio si è visto un lungo conciliabolo con Immobile. Argomento della discussione la scelta di far calciare il penalty a Caicedo:

Il rigore lo doveva tirare Immobile. Mancavano 30 secondi alla fine, l'ho chiamato dalla panchina e gli ho detto "Ciro". Caicedo però è un altro nostro rigorista, chiaramente non è Immobile. Ciro ha detto che era giusto e doveroso, sa anche lui quello che fa Caicedo per noi, è sempre stato disponibile in questi 2 anni e mezzo. Penso se lo meritasse, ha deciso Immobile e penso sia giusto così. Cosa manca a Immobile per il definitivo salto di qualità? Penso non gli manchi nulla, ha battuto tutti i record in tre anni alla Lazio, è un attaccante della Nazionale, punto di riferimento per noi, piena maturità. Un ragazzo generoso, spende tantissimo. Ieri aveva un problema al ginocchio, si è curato fino alle 19 prima della partita. È un leader, sono contento di averlo. Ha vinto la classifica cannonieri due anni fa, è il titolare della Nazionale insieme a Belotti. Penso che tutti quanti siano convinti di Immobile. Pochi gol contro le big? Due anni fa abbiamo vinto una Supercoppa italia contro la Juve con doppietta di Immobile, nello stesso anno abbiamo vinto allo Stadium con doppietta. Domenica scorsa due gol all'Atalanta. Un grande giocatore che spende tanto e a volte devo gestirlo bene perché ha valori alti di intensità durante una gara e devo gestirlo

Dallo studio Sky Capello domanda se il problema della Lazio sia quando affronta squadre veloci e dinamiche come Bologna e Atalanta:

Senz'altro, anche se con il Bologna nel secondo tempo avremmo meritato qualcosa in più, ma è vero. Al Celtic era una partita spettacolare, da raccontare ai propri figli e mi sono portato infatti il mio più grande. Ma oltre ad avere uno stadio e un pubblico ha anche una squadra di qualità che gioca a ritmi altissimi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.