Sebastiano Esposito nella storia dell'Inter in Champions League

Il 17enne è il primo nato nel nuovo millennio a esordire, conquistandosi anche un calcio di rigore.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Ha fatto discutere, è stato argomento di dibattito per giorni, da quando Antonio Conte gli ha "vietato" di rispondere alla chiamata della Nazionale per il Mondiale Under 17. Sebastiano Esposito ha cominciato a far capire a tutti (e non solo a chi lo conosceva avendo seguito la Primavera nerazzurra) il motivo per il quale il tecnico dell'Inter abbia deciso di trattenerlo a Milano subito dopo l'infortunio di Sanchez.

Non si è trattato semplicemente di una questione numerica, questo è poco ma sicuro. Antonio Conte su Salvatore Esposito ripone realmente fiducia, lo ha confermato mandandolo in campo senza farsi troppi problemi nella delicata sfida di Champions League contro il Borussia Dortmund.

Il giovane attaccante è entrato al posto di un certo Romelu Lukaku, dopo poco più di un'ora di gioco. E lui, quel ragazzino di 17 anni, non si è affatto dimostrato intimidito nell'entrare in una partita del genere, ha mostrato personalità di un veterano.

Inter, Lautaro con Esposito
Lautaro ed Esposito con la maglia dell'Inter

Champions League, Sebastiano Esposito nella storia dell'Inter

Si è dato da fare, si è lasciato trascinare da San Siro e allo stesso tempo lo ha trascinato, incitando il pubblico come se fosse un leader con anni e anni di carriera alle spalle. E soprattutto - passando al punto di vista tecnico - si è conquistato un calcio di rigore (fallo netto di Hummels), che Lautaro Martinez non è riuscito però a trasformare in gol. L'esito del tiro dagli undici metri dell'argentino non cancella comunque il lavoro di Sebastiano Esposito.

Con Spalletti era diventato il primo del nuovo millennio (è nato il 2 luglio 2002) a esordire in Europa League con la maglia dell'Inter, con Antonio Conte si è tolto lo sfizio di prendersi questo record anche in Champions League. E andando avanti di questo passo, la sensazione è che possa prendersi molte altre soddisfazioni. Anche senza disputare il Mondiale under 17 di categoria.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.