Mondiali Militari a Wuhan: Lasitskene vince il salto in alto con 2.01

Maria Lasitskene è stata la protagonista della seconda giornata dei Campionati del Mondo militari in corso di svolgimento nella città cinese di Wuhan. Irene Siragusa e Gloria Hooper si sono qualificate per la finale dei 200 metri

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

Il salto in alto femminile ha illuminato la seconda giornata dei Campionati del mondo militari di Wuhan con una gara ricca di stelle. Tre settimane dopo aver vinto il terzo titolo iridato a Doha Maria Lasitskene ha conquistato un’altra medaglia d’oro ai Mondiali militari con l’ottima misura di 2.01m precedendo le ucraine Yulia Levchenko (1.92m prima di tentare tre prove a 1.94m) e Iryna Herashchenko (1.90m). Lasitskene ha concluso nel migliore dei modi una stagione nella quale ha superato almeno 2 metri in 18 gare su 24. La tre volte campionessa mondiale ha messo in cassaforte la vittoria alla quota di 1.94m prima di far mettere l’asticella direttamente a 2.01m al terzo tentativo. L’altro fuoriclasse dell’atletica russa Sergiy Shubenkov ha vinto la finale dei 110 ostacoli in 13”40.

Il romeno Alexandru Firfirica ha dominato il lancio del disco. La medaglia d’oro degli 800 metri di Berlino 2018 Nataliya Prishchepa si è imposta negli 800 metri in 2’05”14. La polacca Paulina Guba, altra vincitrice dell’ultima rassegna continentale in terra tedesca dell’anno scorso, ha conquistato il successo nel getto del peso con la misura di 18.22m.

Le finaliste iridate e neo primatiste italiane della staffetta 4x100 Irene Siragusa e Gloria Hooper si sono qualificate per la finale dei 200 metri femminili. Siragusa si è aggiudicata la semifinale con 23”69 stabilendo il primato stagionale e il quarto miglior tempo delle semifinali con 23”69. Hooper si è classificata quarta nella sua semifinale in 23”87 alle spalle della slovena Maja Mihalinec (23”37), della polacca Anna Kielbasinska (23”41) e della slovena Marileiddy Paulino (23”46). La neo campionessa mondiale dei 400 metri e fresca vincitrice dei Mondiali militari sul giro di pista Salwa Eid Naser e la brasiliana Vittoria Rosa sono state squalificate in batteria per partenza falsa.

Andrew Howe si è classificato quarto in 21”12, prestazione che sarebbe stata sufficiente per qualificarsi per la finale, ma il reatino è stato successivamente squalificato per invasione di corsia. La semifinale dell’azzurro è stata vinta dal saudita Fahad Mohammed Alsubaie in 21”01. In precedenza l’azzurro si era imposto nella sua batteria in 21”28. Il neo primatista italiano della staffetta 4x100 Davide Manenti ha fatto il miglior tempo di ripescaggio con 21”41 ma ha dovuto rinunciare alla semifinale per un problema al tendine d’Achille. Il marocchino Mohamed Reda El Aaraby si è aggiudicato i 10000 metri maschili in 28’44”25 battendo il tedesco di origini etiopi Amanal Petros per cinque centesimi di secondo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.