Conte: "Col Borussia daremo tutto, non vogliamo avere rimpianti"

Il tecnico dell'Inter parla alla vigilia della sfida di San Siro: "Non sarà una finale ma dobbiamo dare tutto. Lukaku? Basta poco per passare dalla crisi agli elogi".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Inter-Borussia Dortmund sarà una partita decisiva per il cammino della squadra nerazzurra in Champions League: i ragazzi di Conte hanno racimolato solo un punto nelle prime due partite del girone e la sfida ai tedeschi dirà moltissimo sulle chance di qualificazione agli ottavi di finale.

Entrambe le squadre si presentano all'impegno di San Siro con defezioni dovute a infortuni con i gialloneri che rinunceranno a Reus e Alcacer, entrambi non onvocati per via rispettivamente di un attacco influenzale e di problemi muscolari.

Anche Antonio Conte ha la rosa ridotta per le assenze di D'Ambrosio, Sensi e Sanchez ma l'allenatore dell'Inter ha già spiegato che gli infortuni capitano e non devono essere un alibi. Concetto ripetuto alla vigilia della partita di San Siro.

Conte durante Sassuolo-Inter
Conte ha parlato nella conferenza stampa alla vigilia di Inter-Borussia Dortmund

Champions League, Conte alla vigilia di Inter-Borussia Dortmund: ""

L'ex commissario tecnico della Nazionale si è presentato nella classica conferenza stampa alla vigilia della partita di Champions League accompagnato da Brozovic, che ha preso la parola parlando della sfida al Borussia.

Questa è la mia Inter più forte ma dobbiamo ancora lavorare, la partita di domani è importante e vogliamo vincere in casa. Il mio gioco cambia poco con l'assenza di Sensi, ho i miei compiti. Come sono cambiato in questi anni? Ero più giovane, ora sono papà e ho lavorato su me stesso.

Dopo le risposte del centrocampista croato, è stata la volta di Conte che ha detto la sua in vista di una partita in cui la sua squadra ha un bisogno disperato di trovare la prima vittoria in questa Champions League.

È esagerato dire che è una finale ma è una partita importante contro una squadra forte. Non abbiamo avuto molto tempo per rivedere gli errori fatti col Sassuolo ma abbiamo perso 3 palloni subendo 3 gol, non dovremo farlo perché il Borussia è forte nelle ripartenze e dobbiamo evitare di lasciargli spazi: potevamo fare di più contro lo Slavia ma meritavamo di più col Barça, dobbiamo fare punti come proviamo a fare sempre. Le loro assenze? Non parlo delle mie quindi non voglio sentire delle assenze altrui, Lukaku era molto felice del gol perché ormai si passa facilmente dalla "crisi" e ora tutti esaltano la sua coppia con Lautaro, serve equilibrio. Domani dobbiamo dare tutto e non avere rimpianti, i giocatori non hanno tanta esperienza in Champions e quindi fa parte del percorso come i miglioramenti in difesa, siamo insieme da poco e giocando spesso non abbiamo molto tempo per mettere a punto tutto. Le difficoltà di Lazaro sono normali, è giovane e viene dall'Hertha. Lautaro? Deve crescere e lavorare, il gol non è tutto e lui lo sa: a me piace quando gioca per la squadra. Candreva è un bravissimo ragazzo e può darmi anche di più di ciò che mi sta dando ora, per quanto riguarda Sensi e D'Ambrosio è difficile parlarne: Danilo sente dolore, Stefano domani farà un nuovo esame e aspettiamo notizie. Godin? Sta imparando questo nuovo ruolo, io ho la mia idea di calcio e sono contentissimo di lui e della disponibilità di tutti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.