UFC: Conor McGregor nuovamente indagato per violenza sessuale

Ancora guai con la legge per il combattente irlandese, indagato per una nuova presunta violenza sessuale consumata in quel di Dublino.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Conor McGregor potrebbe ben presto trovarsi coinvolto in un altro urugano di problemi con la legge. Nello specifico, stiamo parlando di un'altra accusa legata ad una presunta violenza sessuale consumata, stavolta, ai danni di una 20enne di Dublino. Una storia, questa, che fa il paio con un altro fatto del genere che vide uscire il nome di Notorius nel marzo scorso: in quel caso, il New York Times parlò a sua volta - così come fatto anche in questo caso - di una violenza consumatasi nel dicembre del 2018, con l'ex champ champ UFC che fu ascoltato dalle autorità irlandesi dopo esser stato posto in stato di fermo nel gennaio successivo. 

Quest'anno, invece, Conor McGregor è stato protagonista di un fatto increscioso che lo ha visto colpire un anziano in un pub di Dublino: l'uomo, reo di aver rifiutato per due volte un giro di Proper Twelve - whiskey prodotto proprio dal combattente irlandese -, è stato colpito da un pugno. Insomma, un periodo non proprio eccezionale per Notorius, reduce anche da una caduta non da poco sul piano sportivo con la sconfitta arrivata al quarto round nel main event di UFC 229 per mano di Khabib Nurmagomedov. E adesso, a tutto ciò, si è aggiunta anche questa accusa che però, va detto, parrebbe non aver destato la necessità di misure cautelari da parte delle forze dell'ordine.

Addirittura, stando sempre a quanto riferito dal Times, pare che lo stesso McGregor non sia né stato ascoltato né tantomeno fermato dalla polizia in relazione al seguente caso, il che vuol dire che o la fonte accusatoria non è giudicata attendibile o che non sussistono prove effettive al momento attuale. In più, come confermato da un portavoce dell'ex campione pesi leggeri e piuma UFC allo stesso giornale, il diretto interessato ha negato con enfasi qualsivoglia tipo di coinvolgimento nell'accusa in questione. Insomma, una vicenda che, al netto dei toni sensazionalistici, non desta preoccupazione in casa McGregor almeno in questo momento: nel frattempo, però, resta da capire quando effettivamente finiranno i guai fuori dall'ottagono per Notorius tra risse, aggressioni e presunte molestie a sfondo sessuale.

UFC: McGregor
Conor McGregor viene sottomesso da Khabib Nurmagomedov nel main event di UFC 229.

UFC: Conor McGregor risponde a Dana White

Intanto però McGregor non perde occasione per far parlare di sé anche sotto l'aspetto sportivo, seppur indirettamente e sui social: nelle scorse ore, infatti, il rappresentante della SBG Ireland ha deciso di rispondere ad un Dana White che aveva incensato Khabib Nurmagomedov come "the man" per la compagnia, a dispetto proprio del Notorius che fu. Alla discussione, maturata su Twitter, si è poi accodato anche lo stesso Khabib, che all'invito di incrociarsi a Mosca ha risposto che da quelle parti non sono graditi gli stupratori.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.