Conte: "Ibra? Parlarne non è corretto nei confronti della squadra"

L'allenatore dei nerazzurri in cerca del riscatto a Reggio Emilia dopo l'ultima sconfitta con la Juventus.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

C'è bisogno di rialzarsi subito, perché la sconfitta contro la Juventus nell'ultimo turno di Serie A prima della sosta ha fatto male. Lo sa Antonio Conte, vuole che la sua Inter reagisca subito, nonostante si trovi di fronte a una trasferta complicata come quella di Reggio Emilia contro il Sassuolo.

A un giorno di distanza dal match, l'allenatore nerazzurro ha presentato la gara di Serie A nella consueta conferenza stampa della vigilia, a partire però da una domanda di calciomercato, precisamente sull'opportunità Ibrahimovic:

Parlare di altri giocatori oggi sarebbe una grandissima mancanza di rispetto per i miei giocatori, per quello che mi stanno dando e spero continuino a darmi. Stiamo parlando di un ragazzo straordinario, che rimarrà nella storia del calcio quando deciderà di smettere. Lo rispetto molto ma ho grandissima fiducia nei miei calciatori e a volte alcune tegole possono dare ulteriori stimoli e opportunità per migliorarci ancora ed essere più uniti. Dalla disavventura dobbiamo uscirne ancora piu' forti

Poi sull'infortunio di Sanchez:

C'è molto dispiacere da parte mia e dello staff medico per un ragazzo che pensavamo recuperato e che ci stava dando un grande apporto. Lui è venuto qui con grande voglia di mettersi in discussione, stava facendo bene perchè stava lavorando duro per tornare il Sanchez che conoscevamo.

A questo punto è il momento di parlare della partita:

La squadra ha lavorato non bene, benissimo, e questo mi lascia molto sereno sotto tutti i punti di vista. C'è grande impegno, voglia e determinazione. Quando vedi questo in allenamento e nelle partite devi per forza essere sereno. Poi puoi vincere o meno, ma l'importante è che ci sia sempre grande voglia di fare e migliorare. Gli infortuni? Giusto considerare titolari tutti i componenti della rosa, ho sempre detto di avere grande fiducia in tutti i miei giocatori. Affronteremo la situazione a testa alta e petto in fuori, pronti a dare battaglia. Il Sassuolo? Parliamo di una splendida realtà e spiace per la perdita del presidente Squinzi, che ne è stato l'artefice. Società molto seria, con un allenatore molto preparato: per loro domani è una partita importante, per noi importantissima. Affronteremo una realtà del campionato di Serie A.

Sulla querelle Esposito, che ha dovuto rinunciare alla convocazione in nazionale under 17 per i Mondiali di categoria:

Tanti parlano senza sapere. È una polemica inesistente. È venuto qui Viscidi, il coordinatore delle nazionali giovanili, tre settimane fa, gli ho detto che ero felicissimo di mandarlo ai Mondiali. Gli ho detto "mi auguro solo non succeda niente", lui ha capito. Esposito è un prospetto importante per il futuro ma anche per il presente, lo stavo per far giocare contro il Barcellona. È assolutamente pronto. Nelle disgrazie ci sono opportunità quindi vediamo il bicchiere mezzo pieno.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.