Razzismo in Bulgaria: il presidente della Federcalcio si è dimesso

Ondata di indignazione per gli episodi durante la partita contro l'Inghilterra, il primo ministro attacca il numero uno della Federazione che lascia l'incarico.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Quella di Bulgaria-Inghilterra è stata già definita dalla stampa britannica una delle serate più vergognose della storia del calcio, per via dei disgustosi episodi con protagonisti i tifosi locali che hanno bersagliato i giocatori inglesi di colore con cori e ululati razzisti, esibendosi anche in saluti romani.

La partita è stata sospesa e l'UEFA prenderà sicuramente posizione nei confronti della Bulgaria (che purtroppo è recidiva in questi comportamenti) ma intanto le reazioni sugli accaduti di Sofia non tardano ad arrivare.

Se da Oltremanica lo sconcerto è unanime con i dirigenti della Football Association che tuonano per la vergognosa serata dello stadio Vasil Levski, oggi sono arrivate le prime posizioni da parte delle alte sfere politiche bulgare. Che hanno chiesto e ottenuto a gran voce una soluzione drastica.

Gli episodi di razzismo in Bulgaria-Inghilterra
Bulgaria-Inghilterra è stata sospesa per episodi di razzismo

Bulgaria, dopo gli episodi di razzismo il presidente della Federcalcio si dimette

A parlare è stato il primo ministro Borissov che ai microfoni della BBC come primo commento alla vergogna di Bulgaria-Inghilterra ha chiesto ufficialmente le dimissioni del massimo dirigente della Federcalcio ritenuto primo responsabile.

Il nostro governo aveva permesso dei grandi passi avanti per il nostro calcio in questi anni ma dopo questi episodi e le sanzioni avute per razzismo a giugno interromperemo ogni relazione della Federcalcio finché il presidente Mihaylov non si dimetterà.

Parole comprensibilmente durissime quelle del primo ministro bulgaro che vengono subito ascoltate: è arrivata infatti la comunicazione ufficiale delle dimissioni di Mihaylov dopo quanto successo a Sofia. Comportamenti e condanne che cozzano con il tentativo del commissario tecnico Balakov, intento nel post partita a minimizzare quanto successo sugli spalti.

Non ho sentito cori razzisti, penso che i tifosi semplicemente fossero insoddisfatti del nostro gioco.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.