Bonucci: "Questa Italia come un club. Con Mancini c'è un patto..."

Le parole del capitano azzurro prima della sfida contro il Liechtenstein.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

L'Italia ha strappato il pass per Euro 2020 grazie alla vittoria per 2-0 contro la Grecia maturata allo Stadio Olimpico di Roma. Ma il ct degli Azzurri Roberto Mancini vuole fare en plein e continuare a vincere. Lo sa bene Leonardo Bonucci, capitano della squadra che ha parlato prima della sfida contro il Liechtenstein esaltando le qualità del gruppo: 

Ci sono tanti giovani che hanno qualità, a loro consiglio di restare semplicemente loro stessi. Se sono qui, è perché ne hanno la qualità. Serviranno ragazzi capaci di sostituire chi fra noi lascerà la Nazionale nel corso degli anni. Io dal canto mio sono sempre pronto. Juve, Milan e Nazionale, ormai mi conoscete. Questo gruppo sembra un club e non una selezione. Prima c'erano molte doppie sedute e una sola serata libera. Ora, invece, ogni volta che ci ritroviamo è come se stessimo insieme ogni giorno. Questo ci aiuta ad essere più sereni e ad apprezzare di più il tempo che trascorriamo in Nazionale. Credo sia uno scambio equo in cui noi diamo tutto sul campo e Mancini ci permette di staccare due ore con la testa quando c'è la possibilità  

Bonucci ha proseguito:

Un talento può essere anche un bravo ragazzo, dipende dalla sua testa. Ci sono talenti ma anche regole da rispettare. Funziona così quando si sta in un gruppo che ti permette di crescere. Vale per i vecchi e per i più giovani, vale per tutte le squadre, non solo in Nazionale. Se segui le regole, fai bene a te stesso e al gruppo. Le nazionali big? Ci possiamo sentire un gradino sotto, ma poi in campo c'è la consapevolezza di essere alla pari. Il gap si ridurrà, lo abbiamo dimostrato quando abbiamo affrontato per esempio il Portogallo in casa nostra. Saremo pronti per fare un grande Europeo, siamo sulla strada giusta

Infine un commento su quanto sta accadendo in Siria:

Dire che la guerra fa male a tutti è scontato. Ognuno è libero di pensarla come crede, ma per me la politica e lo sport devono restare due mondi separati: lo sport è divertimento, unione, passione. Lo sport è esempio e non è corretto che questi due mondi finiscano per mescolarsi

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.