Shanghai: Medvedev batte Tsitsipas, sesta finale consecutiva

Il 23enne batte il Next Gen greco confermando il grande momento di forma: per il torneo se la vedrà con Zverev.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il ventitreenne russo Danil Medvedev ha battuto il Next Gen greco Stefanos Tsitsipas 7-6 (7-5) 7-5 nella prima semifinale del torneo Rolex Masters di Shanghai qualificandosi per la sesta finale consecutiva dopo quelle raggiunte a Washington, Montreal, Cincinnati, US Open e San Pietroburgo nel periodo compreso tra Agosto e Ottobre.

Nel corso di uno straordinario 2019 Medvedev ha vinto un totale di 58 partite su 75 disputate (21 delle quali a livello di tornei Masters 1000) e ha raggiunto nove finali ATP in tutta la stagione tra Gennaio e Ottobre sollevando tre trofei a Sofia, Cincinnati e San Pietroburgo. Da Wimbledon in poi il russo ha vinto 28 match disputati su 31. Sul cemento ha vinto in tutto 45 match.

Medvedev e Tsitsipas hanno tenuto il servizio nei primi otto game fino al punteggio di 4-4. Tsitsipas ha costruito tre palle break consecutive nel nono game ma Medvedev ha tenuto il servizio. Il primo set si è deciso al tie-break, dove i due giocatori hanno tenuto il servizio nei primi dieci punti. Medvedev ha conquistato il mini-break decisivo nell’undicesimo punto dopo un errore di rovescio di Tsitsipas.

Medvedev nella semifinale di Shangai
Medvedev vola in finale a Shangai: affronterà Zverev

Shanghai: Medvedev batte Tsitsipas e vola in finale

Nel secondo set Medvedev ha allungato sul punteggio di 2-1 grazie ad un break nel terzo game con un passante di diritto lungolinea. Tsitsipas ha realizzato il controbreak nel decimo game a 15, quando Medvedev stava servendo per il match sul 5-4. Il russo ha reagito prontamente piazzando il secondo break nell’undicesimo game con una risposta di diritto prima di servire per il match con tre servizi. Medvedev è il tredicesimo giocatore dal 1990 a qualificarsi per tre finali consecutive nei tornei Masters 1000.

Qualificarsi per sei finali di fila (comprese tre a livello di Masters 1000 e una del Grande Slam) è un risultato che non avrei mai pensato di sognare. Voglio proseguire questo momento e spero di poter raggiungere sette o otto finali. Penso che sia un grande traguardo. Sono orgoglioso di me stesso. Spero di poter vincere domani. È davvero pazzesco. Sono arrivato ad un passo dal perdere diversi set specialmente quando Vasek Pospisil ha avuto cinque set point, ma la fiducia mi ha aiutato a vincere le partite. 

Tsitsipas ha raggiunto la seconda semifinale consecutiva dopo la finale persa settimana scorsa a Pechino contro Dominic Thiem. In questa settimana l’ateniese si è qualificato per la prima volta per le ATP Finals di Londra dopo aver battuto Novak Djokovic nei quarti di finale a Shanghai.

Medvedev giocherà la finale contro Alexander Zverev, che ha avuto la meglio sull’azzurro Matteo Berrettini per 6-3 6-4. Zverev ha realizzato 10 ace e due break (uno nel quarto game del primo set e l’altro nel nono game del secondo set). Berrettini mantiene comunque intatte le sue speranze di qualificarsi per le ATP Finals di Londra del prossimo Novembre. Zverev è attualmente al settimo posto della Race to London con 2855 punti (330 in più rispetto a Berrettini, che occupa attualmente l’ottava posizione davanti a Roberto Bautista Agut, nono con 2485 punti).

È una grande sensazione. Ho giocato un ottimo tennis. È davvero speciale per me raggiungere la finale del Masters 1000 a Shanghai. Non vedo l’ora della finale e spero di poter giocare un’altra grande partita domani. 

Il torneo di Shanghai ha visto arrivare in semifinale quattro giocatori (Alexander Zverev, Matteo Berrettini, Danil Medvedev e Stefanos Tsitsipas), tutti al di sotto dei 24 anni nel segno di un ricambio generazionale in atto nel tennis maschile.

Shanghai ha rappresentato un momento storico per il tennis italiano perché per la prima volta due giocatori italiani hanno raggiunto i quarti di finale in un torneo Masters 1000 sul cemento e per la terza volta in assoluto in questa categoria di tornei dopo i precedenti sulla terra battuta di Amburgo nel 2005 con Filippo Volandri ed Andreas Seppi e di Montecarlo nel 2019 con Fabio Fognini e Lorenzo Sonego.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.