Euro 2020, bene Belgio e Olanda: quanti gol per gli "italiani"!

Il Belgio ne rifila 9 a San Marino, Lukaku fa doppietta. Serata speciale per Lazaro ed Elmas. Meno bene de Ligt e Piatek. Segnali positivi da Rebic nella vittoria della Croazia.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Tutto facile per il Belgio che strapazza San Marino e consolida il primato nel girone di qualificazione a Euro 2020. Serata di gala per Romelu Lukaku autore di una doppietta. È proprio l'attaccante dell'Inter ad aprire le danze al 28', palla in profondità di Tielemans, gioco di gambe su Simoncini e destro secco su cui è evidente la complicità del portiere Benedettini. Passano due minuti e i Diavoli Rossi raddoppiano grazie al gol di Chadli che sfrutta il passaggio di un Lukaku in versione assist-man. L'uno-due secca ogni resistenza di San Marino e al 35' arriva l'autorete di Brolli. Ma la valanga di gol non si ferma ed è ancora l'ex United a spaccare la porta con un gran destro sul secondo palo. Nel finale di primo tempo c'è spazio pure per il pokerissimo di Alderwireld e per il sesto gol a firma Tielemans. Nella ripresa il Belgio abbassa i ritmi, gestisce le forze e fa girare il pallone. Dopo un'ora finisce la partita di Mertens. Non memorabile per la verità. Esce anche Lukaku tra gli applausi del pubblico. Nel finale nuova fiammata belga: arriva prima il gol di Benteke, poi quello su rigore di Verschaeren e infine c'è gioia anche per Castange che sigilla il 9-0 finale. 

Notte di festa anche per l'Austria e per un altro interista. Valentino Lazaro è decisivo nel successo della squadra di Foda su Israele. Gli ospiti passano in vantaggio con Zahavi, ma la paura dell'Ernst Happel di Vienna viene sciolta poco proprio dall' l'esterno nerazzurro che, ben servito da Arnautovic, batte con un diagonale preciso il portiere israeliano. Lazaro entra pure nell'azione del raddoppio: palla ben lavorata sulla linea di fondo, scarico per Laimer che crossa al centro e trova Hinteregger che s'inventa poi un gol da centravanti puro. Lui che di mestiere è invece un centrale di difesa. L'Austria controlla il ritorno di Israele e nel finale chiude il match con Sabitzer. 

Pari senza gol tra Estonia e Bielorussia in un match in cui nessuna delle due ha ormai velleità di classifica nel gruppo C. Mentre vince Cipro che batte a domicilio il Kazakistan (1-2) e si prende una soddisfazione in gruppo dominato però da Belgio e Russia. Già perché la squadra allenata da Cherchesov schianta la Scozia e blinda il secondo posto. Primo tempo equilibrato, poi i russi si scatenano e calano il poker nella ripresa: Dzyuba fa doppietta e sale a quota nove reti in queste qualificazioni a Euro 2020. Odzoev e Golovin chiudono i conti. Dilaga la Croazia. A Zagabria è festa grande, con l'Ungheria battuta 3-0. Nel primo tempo subito avanti i padroni di casa con Modric, il raddoppio arriva al 24' con Bruno Petkovic che di tacco trasforma in gol l'assist di un vivace Rebic. Il tris, firmato ancora Petkovic, è a dir poco rocambolesco: cross di Perisic da destra, liscio del centrale ungherese che mette fuori causa il proprio portiere in uscita, l'ex Bologna e Trapani colpisce di stinco una palla che s'impenna e lentissima finisce nel sacco. Il dominio croato continua nella ripresa che si apre con un rigore fallito da Perisic, dopodiché Kleinheisler si fa espellere lasciando l'Ungheria in dieci. La Croazia però rallenta e abbassa sensibilmente i ritmi e non fa male ulteriormente agli avversari. 

Euro 2020, la gioia di Lazaro
Euro 2020, vince l'Austria

Euro 2020, l'Olanda passa col brivido: notte da sogno per Elmas, Piatek entra e... sbaglia. 

L'Irlanda del Nord spaventa Rotterdam e tutta l'Olanda, poi però crolla nel finale e riconsegna il sorriso agli arancioni. La partita è equilibrata, Koeman tiene fuori van de Beek e l'uomo forse più in forma del momento cioè Malen. La partite per gli Orange è ostica, perché i nordirlandesi si difendono con ordine e quando ripartono creano non pochi problemi. L'Olanda sfiora il vantaggio però prima con Bergwijn e poi con Wijnaldum, ma il gol lo trovano gli ospiti: Blind difende malissimo su Dallas che crossa e trova Magennis al centro dell'area, de Ligt si fa scavalcare dal pallone, perde contatto con l'avversario ed è 0-1. Una doccia gelata perché il cronometro dice che alla fine mancano solo quindi minuti. L'Olanda si riversa in avanti e all'82' trova il pari con Depay che a centro area controlla il cross del nuovo entrato Malen e di punta beffa Peackok-Farrel. Proprio Malen ha palla del 2-1, ma non riesce a dar forza al suo colpo di testa. L'Olanda spinge forte e al 91' trova il vantaggio con Luuk de Jong che svirgola la prima conclusione, ma la palla gli resta lì e  - dopo aver mandato fuori tempo mezza difesa col primo errore - fa centro. La rete subita distrugge le resistenze dell'Irlanda del Nord, che al 93' viene infilata per la terza volta. Ancora da Depay. Con questa vittoria, l'Olanda sale momentaneamente in testa al gruppo C con 12 punti insieme alla Germania. 

Vince la Polonia che espugna il campo della Lettonia e rimane saldamente alla guida del proprio girone con 16 punti. Partita indirizzata già dopo un quarto d'ora con Lewandowski che fa 58 e 59 con la maglia della nazionale. Nella ripresa c'è spazio per Piatek che entra al 60' al posto di Klich, ma l'attaccante del Milan fallisce subito un'occasione clamorosa per siglare lo 0-3. Ci pensa il solito Lewandowski, allora, a chiudere la partita e a raggiungere pure quota 60 gol con la Polonia. Finisce 1-1 a Trnava tra Slovacchia e Galles. Un punto che fa più comodo a Hamsik e compagni che salgono al secondo posto del girone E dietro alla Croazia. Galles avanti grazie al gol di Moore che di testa trasforma un super assist di Daniel James. Gioiellino di scuola United. Nella ripresa arriva il pari della Slovacchia con Kucka che spacca la porta avversaria con un sinistro al volo di pregevole fattura. Nel finale non succede più nulla.

Prima annullato, poi però è solo gioia. Il grande protagonista della vittoria della Macedonia del Nord sulla Slovenia è Eljif Elmas che si vede annullare il gol del vantaggio sul finire di primo tempo per una posizione attiva di fuorigioco di un suo compagno, ma nella ripresa nulla può toglierli la gioia del suo terzo gol in nazionale realizzato con un delizioso tocco sotto su assist di Pandev. Niente da fare per Oblak. La notte magica del gioiello del Napoli, però, non si esaurisce qui. Passano diciotto minuti ed Elmas concede anche il bis in contropiede, mantenendo grande freddezza davanti al portiere avversario. Il gol è un'ipoteca sul successo che non viene scalfito nemmeno dal rigore segnato al 91' da Ilicic. 

I risultati del giovedì di qualificazione

  • Macedonia del Nord-Slovenia 2-1
  • Slovacchia-Galles 1-1
  • Olanda-Irlanda del Nord 3-1
  • Belgio-San Marino 9-0
  • Croazia-Ungheria 3-0
  • Lettonia-Polonia 0-3
  • Bielorussia-Estonia 0-0
  • Kazakistan-Cipro 1-2
  • Austria-Israele 3-1
  • Russia-Scozia 4-0

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.