Messi: "Mi sentivo maltrattato e non volevo più giocare in Liga"

Nell'intervista prima del suo spettacolo "Messi10", l'argentino svela i retroscena dei suoi momenti più duri al Barcellona, quando ha meditato l'addio.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

E se fosse esistito un Barcellona senza Lionel Messi? Quella sollevata dal diretto interessato non è un'ipotesi futura, ma un bivio che avrebbe potuto prendere la sua carriera se non avesse tenuto duro in un momento di difficoltà con la maglia blaugrana. Il rischio di vederlo lontano dalla Liga è stato più concreto di quanto si possa immaginare guardando ai soli fattori economici.

A margine dell'anteprima di "Messi10", lo spettacolo cinematografico della casa canadese Cirque du Soleil, la Pulce ha svelato retroscena importanti sulla sua esperienza in Catalogna: un racconto che fa male, soprattutto in un momento della stagione che l'ha visto scendere in campo per appena 301 minuti con un solo gol all'attivo:

È successo nella stagione 2013/2014. Nessuno sapeva realmente cosa stesse succedendo. Ho avuto problemi e ho voluto proteggere la mia famiglia da quello che stava accadendo. I calciatori venivano tutelati, è vero, ma in quel momento non l'ho sentito. Mi sono sentito maltrattato e ho pensato seriamente di lasciare la Spagna, non solo il Barcellona. Non volevo più rimanere qui.

Il periodo preso in considerazione è l'ultimo arco della presidenza di Sandro Rosell, pochi mesi prima dell'approdo di Josep Maria Bartomeu in sella al Barcellona. Coincide con uno dei periodi più deludenti per il club e per l'argentino, che però non fa riferimenti diretti alla società. Con l'arrivo dell'attuale presidente, il problema è rientrato e ora si parla di un ulteriore rinnovo per far rimanere Messi in blaugrana a vita:

Ora sto bene, non ho mai avuto problemi con Bartomeu e l'ho sempre considerato estremamente leale. La mia idea è quella di restare qui, per il club, per mia moglie e per i miei figli. Non abbiamo ancora parlato del rinnovo, ma non sarà un problema.

Scossone Messi: "Nel 2014 avrei voluto lasciare il Barcellona"
Scossone Messi: "Nel 2014 avrei voluto lasciare il Barcellona"

Messi: "Nel 2014 volevo lasciare il Barcellona"

Un addio di Messi al Barça avrebbe reso più semplice il calciomercato in entrata? Le voci sul suo veto nei confronti di Neymar e Griezmann, per evitare di spostarsi dal centro del progetto, non corrispondono al vero:

Non ho mai accettato queste illazioni nei miei confronti. Non ho posto alcun veto su Griezmann sia perché non c'è stato nessun inconveniente, sia soprattutto perché non sono decisioni che spettano a me. Avrei voluto anche Neymar, è stato un elemento fondamentale a Barcellona e l'avremmo accolto a braccia aperte dopo che si era reso conto di aver preso una decisione errata. Temevo una sua firma con il Real Madrid, questo sì. Ma non bisogna fraintendere il peso nello spogliatoio con quello in società.

L'argentino si assume anche le responsabilità di quello che, dopo il 3-0 contro la Roma, è il peggior scivolone della storia recente del Barcellona. Il poker di Anfield in semifinale di Champions League ha scosso parecchio l'ambiente:

Quella sconfitta contro il Liverpool è stata colpa nostra. C'è stato un momento della partita in cui ci siamo guardati e abbiamo visto nei nostri occhi la stessa paura di Roma. Ci siamo deconcentrati dall'obiettivo e non abbiamo fatto quello che ci aveva chiesto Valverde. Nei giorni successivi l'abbiamo supportato come avevamo fatto con Luis Enrique, proprio perché sapevamo che la colpa non fosse sua. Adesso stiamo remando tutti verso lo stesso obiettivo.

Messi
La delusione di Anfield non è ancora passata: "Quella sconfitta è colpa nostra, non di Valverde"

Tra VAR, Pallone d'Oro e retroscena

Un Messi per certi versi inedito, quello che si racconta nell'intervista a RAC1. Tanto da svelare le sue difficoltà con il catalano, nonostante sia ormai a Barcellona da 2 decenni:

Non ho mai parlato il catalano in maniera fluente. Parlo prevalentemente spagnolo, ma ogni tanto cerco di combattere le mie difficoltà. Non sono mai riuscito ad impararlo come avrei voluto, i miei progressi si sono bloccati.

Spagnolo, la lingua che Messi vorrebbe ascoltare nuovamente da Cristiano Ronaldo. L'eterno dualismo con il portoghese è ancora intatto, ma il suo passaggio alla Juventus ha diminuito i confronti tra i due. Per Messi è stato un dispiacere:

Speravo continuasse a giocare con il Real Madrid, è stato un calciatore leggendario per la Liga e avrebbe mantenuto il livello del campionato su standard altissimi. Mi piacerebbe molto un suo ritorno, anche il Clasico non è più lo stesso senza di lui.

Messi CR7
Messi su CR7: "Avrei voluto vederlo ancora in Liga, è una leggenda per il campionato e per il Clasico"

I due potrebbero comunque incontrarsi in Champions League. L'Europa ha definitivamente introdotto il VAR a pieno regime nella sua principale competizione internazionale, ma per Messi c'è ancora tanto da lavorare per affinare questo meccanismo:

È un sistema che mi piace per l'obiettivo che si pone, ma lascia ancora molti dubbi. Dovrebbe servire per cancellare ogni dubbio, ma non lo sta facendo nonostante sia uno strumento che lascia poco spazio all'interpretazione. Il fine è ottimo, il mezzo sembra non esserlo.

La Champions League è l'obiettivo a breve termine per la Pulce, che non nasconde di aver maturato delusioni incredibili dopo i ko contro Roma e Liverpool nelle ultime due edizioni. Al punto da mettere da parte il sesto Pallone d'Oro della sua carriera pur di tornare sul tetto d'Europa:

Può sembrare una banalità, ma i premi individuali non rappresentano la mia massima aspirazione. Se non dovessi vincerlo quest'anno non sarebbe una delusione. Se invece passassi un'altra stagione senza vincere la Champions League, sarebbe un duro colpo da digerire. Gli anni stanno passando e inesorabilmente si avvicina la fine della mia carriera. Ogni anno vedo come sto e mi pongo degli obiettivi, l'Europa è sempre al centro dei miei pensieri.

Messi UCL
Messi vuole tornare sul tetto d'Europa: il Barcellona non vince la Champions League dal 2015

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.