WWE Hell in a Cell 2019: tutti i risultati del PPV

Almeno due titoli saranno assegnati nella gabbia infernale al Golden 1 Center di Sacramento (California).

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Ormai ci siamo, il mondo del wrestling WWE è pronto per entrare nella gabbia infernale. È arrivato il momento di Hell in a Cell 2019, il primo PPV della nuova stagione del mondo della World Wrestling Entertainment. Fari puntati ovviamente sul match caratteristico da cui prende appunto il nome il pay-per-view.

Lì Seth Rollins dovrà vedersela con "The Fiend" Bray Wyatt, cioè il wrestler più in voga del momento e colui che lo ha ripetutamente attaccato cogliendo di sorpresa nelle ultime settimane.

I due saranno rinchiusi in una struttura d'acciaio, alta circa sei metri, chiusa sul tetto e con la porta d'ingresso serrata con un catenaccio e un lucchetto. Con questa particolare stipulazione sarà assegnata l'Universal Championship, ma anche la Raw Women's Championship di Becky Lynch, che se la dovrà vedere ancora una volta con Sasha Banks.

Locandina WWE Hell in a Cell 2019WWE
WWE Hell in a Cell 2019, la locandina

WWE Hell in a Cell 2019: tutti i risultati

Programmati poi gli incontri tra la campionessa di SmackDown Bayley e la sfidante Charlotte Flair, così come il tag team match tra Roman Reigns e Daniel Bryan contro Erick Rowan e Luke Harper. A pochi minuti dall'inizio di Hell in a Cell 2019 sono stati ufficializzati intanto altri 4 match: Kabuki Warriors vs Alexa Bliss e Nikki Cross (con in palio i titoli femminili), Viking Raiders e un terzo componente a sorpresa vs O.C., Chad Gable vs King Corbin e Natalya vs Lacey Evans. Li potrete seguire tutti proprio qui, nel consueto report in diretta scritta a cura di FOXSports.it.

Kickoff

Ci siamo, il Kickoff di Hell in a Cell 2019 è iniziato ed è visibile gratuitamente qui sotto. Il primo match della serata è quello tra Lacey Evans e Natalya. A vincere è quest'ultima, grazie all'applicazione della sua Sharpshooter sull'avversaria, che precedentemente aveva tentato in due occasioni diverse di fare la stessa cosa sulla Queen of Hearts.

A seguire viene annunciato un nuovo match, quello tra Ali e Randy Orton. Mentre il primo veniva intervistato e parlava del suo desiderio di avere il suo "momentum", The Viper lo ha interrotto, dicendo che lo aveva già avuto ed era stato proprio lui a interromperlo. Ne è nata una sfida per stasera, accettata subito da Mr RKO.

Sasha Banks vs Becky Lynch (c)

Si parte subito con lo Women's Raw Championship Hell in a Cell Match, si parte subito con Sasha Banks contro Becky Lynch. Mentre la gabbia viene calata giù, The Boss attacca subito The Man, portandola fuori e iniziando di fatto il match prendendosi un buon vantaggio, prima di tornare dentro e aspettare che gli arbitri diano l'avvio ufficiale. Becky reagisce ed entra, rubando all'arbitro la catena che stava usando per chiudere la porta e usandola come un tirapugni.

Dopo questo avvio in salita, inizia l'incontro vero e proprio che porta all'utilizzo di qualsiasi cosa: mazze da kendo, tavoli, sedie (una di queste viene fissata sospesa alla gabbia da Becky, che poi ci mette sopra Sasha per colpirla con un calcio) e tutto il resto.

Il matchè durissimo, la campionessa di Raw prova più volte a chiudere ma la Banks trova sempre il modo di uscirne. Sasha è determinata, colpisce ripetutamente The Man con ogni oggetto possibile, ma pecca di arroganza più volte, non tentando di chiudere quando ne ha l'opportunità. Sfruttando una di queste distrazioni, Becky riesce a eseguire un suplex dalla terza corda sopra un mucchio di sedie, andando poi ad applicare la sua Dis-arm-her che porta al cedimento della sfidante. La Raw women's Champion si conferma tale anche dopo un Hell in a Cell Match durissimo e Sasha chiude in lacrime sullo stage.

Daniel Bryan e Roman Reigns vs Erick Rowan e Luke Harper

Siamo già al momento del Tornado Tag Team Match che mette Daniel Bryan e Roman Reigns contro Erick Rowan e Luke Harper. La strategia degli ex Bludgeon Brothers è chiara, isolare Daniel Bryan per sfruttare la loro forza d'urto. Ci riescono nella prima parte del match, subito dopo aver messo fuori causa Roman Reigns utilizzando i gradoni d'acciacio. Nonostante la superiorità numerica non riescono però a schienare l'American Dragon, che viene salvato in extremis dal ritorno del Big Dog.

La situazione si ripete però successivamente, perché Rowan e Harper si accaniscono di nuovo su Reigns, gettandolo in mezzo al pubblico sfruttando la struttura di metallo accanto ai tavoli di commento. Daniel Bryan sembra andare incontro a una sconfitta, ma dal nulla riesce a tirare fuori un Hurracarrana su Harper che gli consente di mettere Reigns nelle condizioni di eseguire una Spear su Rowan sopra il tavolo di commento.

Intanto la sfida è sul quadrato tra Bryan e Harper, con quest'ultimo che subisce tre Dropkick consecutivi, ma riesce comunque ad assestare una devastante Powerbomb dalla terza corda. Daniel non cede nemmeno dopo questo. Riesce anzi a capovolgere l'inerzia, lanciando un assist per Roman Reigns che assesta il suo Superman Punch. A seguire arriva un Running Knee dell'American Dragon, poi un Spear del Big Dog che mette definitivamente ko Harper, dando la vittoria Bryan e Reigns. Al termine dell'incontro i due si abbracciano, tra gli Yes del pubblico.

Randy Orton vs Ali

Dopo aver visto un Seth Rollins più preoccupato che mai per quella che definisce la sfida più complicata della sua carriera, passiamo al match nato nel kickoff di Hell in a Cell, quello tra Ali e Randy Orton. Il match è abbastanza combattuto, ma The Viper è sufficiente una RKO per chiudere il discorso.

O meglio, gliene occorrono due, perché la prima viene evitata in un modo inedito dal suo avversario, che anziché cadere di faccia sul ring, riesce ad atterrare su due mani attutendo così il colpo.

Alexa Bliss e Nikki Cross (c) vs Kabuki Warriors

Titoli di coppia in palio in questo nuovo match di Hell in a Cell 2019, con Alexa Bliss e Nikki Cross da una parte (le campionesse) e le Kabuki Warriors dall'altra.

A vincere sono quest'ultime, dopo un colpo di scena di Asuka, che sputa letteralmente in faccia a Nikki un liquido verde, accecandola, andandosi così a prendere il conteggio di tre. Lei e Kairi Sane sono così le nuove campionesse di coppia.

The O.C. vs Viking Raiders e Braun Strowman

Alla fine si rivela essere Braun Strowman il partner a sorpresa dei Viking Raiders contro The O.C. al completo, con lo United States Champion, AJ Styles. I tre del Club provano a evitare che il Monster Among Men entri in gioco e quando ci riesce lo aggrediscono in tre, finendo per concludere il match per squalifica.

I Viking Raiders arrivano in soccorso del loro compagno a sorpresa e rimettono la situazione in parità. Il tutto si chiude con un pugno di Braun Strowman in volo ad AJ Styles durante un suo tentativo di Phenomenal Forearm. Un segnale lanciato a Tyson Fury...

Tamina vince la 24/7 Championship

Mentre gli Street Profits parlano di quanto sia fantastico Hell in a Cell, vengono interrotti dall'arrivo di Carmella e R-Truth in fuga. La campionessa 24/7 viene intercettata da Tamina che la schiena e se ne va, non prima di aver colpito Tyler Breeze.

King Corbin vs Chad Gable

Altra rivincita della finale del King of the Ring, anticipata da un promo al microfono di Baron Corbin che continua a ironizzare su "Shortly" Gable.

Poi inizia il match e la differenza d'altezza come al solito si nota solo fino a un certo punto, perché Chad riesce a mettere in grande difficoltà il rivale, riuscendo a vincere con Roll-up, dopo aver evitato di essere colpito con lo scettro dal vincitore dell'ultimo King of the Ring.

Charlotte Flair vs Bayley (c)

Prima del match con in palio il titolo femminile di SmackDown, R-Truth riesce a riprendere la cintura 24/7 da Tamina, dopo che Carmella la colpisce con un Superkick mentre lei tentava di nascondersi dietro il commentatore giapponese Funaki. Dopo questo siparietto si può cominciare con il match, che vede Charlotte Flair avere la meglio e diventare per la decima volta campionessa femminile, entrando ancora di più nella storia.

The Queen è riuscita a connettere la sua Figura 8 dopo aver colpito con un Big Boot Bayley, che poco prima aveva tentato di schienarla utilizzando le corde, ma venendo vista dall'arbitro.

Seth Rollins (c) vs "The Fiend" Bray Wyatt

Ci siamo, è il momento più atteso, quello dell'Universal Championship Hell in a Cell Match. Il campione Seth Rollins da una parte, lo sfidante "The Fiend" Bray Wyatt dall'altra, rinchiusi nella gabbia d'acciaio. Parte il match e si capisce subito che sarà un bel problema per il campione universale, perché The Fiend sembra immune a qualsiasi tipo di colpo sin dall'inizio. Stomp, Superkick, Jumping Knee e Pedigree non servono a nulla, anche se assestati a ripetizione, uno dopo l'altro.

Bray Wyatt si rialza sempre, come se non avesse subito alcun colpo. Davvero frustrante per Seth Rollins, che le tenta davvero tutte per far fronte a questo mostro apparentemente indistruttibile. Neanche una sediata in piena faccia è sufficiente per schienarlo, The Fiend interrompe addirittura a uno il conteggio. Allora The Beastslayer posiziona la testa dell'avversario in mezzo a una sedia, per poi colpirlo con una scala: niente da fare nemmeno stavolta.

Nuovo tentativo, con una scala e una sedia sopra la testa, colpita ripetutamente con una cassetta degli attrezzi. Poi va a prendere lo Sledgehammer. L'arbitro lo prega di non colpire Bray Wyatt, Seth non si ferma e viene assegnata la vittoria per squalifica a The Fiend, che viene immediatamente soccorso dai medici. Seth Rollins se la prende ancora con lui, che però rinviene e applica la Mandible Claw. Lo porta fuori dal ring, toglie le coperture e poi va a segno anche con la Sister Abigail, prima di applicare una nuova Mandible Claw e scomparire.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.