UFC 243: Israel Adesanya da urlo, steso anche Robert Whittaker

The Last Stylebender annichilisce Bobby Knuckles, conquistando la cintura pesi medi indiscussa. Adesso dovrà vedersela con Paulo Costa.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Israel Adesanya ha tolto ogni dubbio. Chi non aveva certezze sul talento cristallino di questo ex kickboxer che ha trovato la sua vocazione nelle MMA dovrà suo malgrado ricredersi. Un match pazzesco, quello di The Last Stylebender, fin qui in seria difficoltà soltanto contro Marvin Vettori - e per parte del match con Kelvin Gastelum - e capace di distruggere sul piano dello striking un Robert Whittaker che aveva approcciato l'impegno come meglio non poteva. Troppo efficaci, però, le schivate di Adesanya, che prende pochi colpi e mette quelli decisivi che potrebbero permettergli di stendere il campione indiscusso già nel primo round del main event di UFC 243.

La campana, però, salva Whittaker, con Adesanya che finisce il lavoro a 3:33 della seconda ripresa, scatenandosi nelle esultanze e chiamando in causa un Paulo Costa presente al Marvel Stadium nell'intervista post-match. Clima rovente tra i due, che verosimilmente si affronteranno nei primi mesi dell'anno nuovo. Co-main event che ci ha regalato l'upset di Dan Hooker, che riesce a domare un Al Iaquinta che mostra un wrestling offensivo davvero troppo lacunoso: per ben due volte, infatti, il padrone di casa lo gira rischiando di chiudere il match già al primo round con delle gomitate dalla turtle position. Sopravvive, però, il fighter italo-americano, che verrà comunque sconfitto da Hooker per decisione unanime.

Sagra degli orrori tecnici, invece, tra Sergey Spivak e Tai Tuivasa, con entrambi che hanno dimostrato di non essere assolutamente da UFC nella notte di Melbourne. Sbaglia tutti i takedown il moldavo, aiutato però da un Tai Tuivasa davvero imbarazzante sotto il punto di vista del grappling difensivo. Alla fine dei conti, vincerà uno Spivak che riuscirà a proiettare Tuivasa, prendendo la monta e finendolo con un triangolo di braccia a 3:14 del secondo round. Davvero poco da dire, invece, su Dhiego Lima vs Luke Jumeau, con il brasiliano che trionfa per split decision al termine di tre round combattuti ma efettivamente condotti in larga parte dal brasiliano. Crolla anche l'altro padrone di casa Justin Tafa, steso dal capoverdiano Yorgan de Castro per KO in poco meno di metà round certificando la disfatta degli atleti casalinghi in questa main card di UFC 243.

UFC 243 main event
Israel Adesanya finisce Robert Whittaker nel main event di UFC 243, laureandosi campione indiscusso dei pesi medi UFC dopo aver precedentemente conquistato il titolo ad interim.

UFC 243: il resto dell'evento e i risultati della main card

Vincono, nei preliminari, Jake Matthews e Megan Anderson - tra gli altri -, imponendosi con fermezza su Rostem Akman e Zarah Fairn dos Santos per decisione unanime e sottomissione (triangolo) al primo round. Di seguito, comunque, tutti i risultati ufficiali della main card di UFC 243, con la promotion più importante al mondo che tornerà sabato 6 ottobre con UFC Tampa, che ci regalerà anche il ritorno di Marvin Vettori opposto ad Andrew Sanchez! Appuntamento alla notte tra sabato 12 e domenica 13 ottobre, con diretta esclusiva per l'Italia su DAZN.

  • Pesi massimi: Yorgan de Castro batte Justin Tafa per KO (pugno) a 2:10 del primo round
  • Pesi welter: Dhiego Lima batte Luke Jumeau per split decision
  • Pesi massimi: Sergey Spivak batte Tai Tuivasa per sottomissione (triangolo di braccia) a 3:14 del secondo round
  • Pesi leggeri: Dan Hooker batte Al Iaquinta per decisione unanime
  • Pesi medi: Ysrael Adesanya (c) batte Robert Whittaker a 3:33 del secondo round unificando il titolo pesi medi

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.