Conte: "Juve di un'altra categoria, ma la partita è stata equilibrata"

L'allenatore dei nerazzurri: "Non dobbiamo paragonarci alla Juve, sono di un'altra categoria".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Non gli è riuscito il 7 su 7 in Serie A. L'Inter di Antonio Conte ferma la sua striscia a 6, interrotta da una Juventus che riesce così a riprendersi il primo posto in classifica, sorpassando proprio i nerazzurri.

Alla rete iniziale di Dybala aveva risposto poco dopo Lautaro Martinez su calcio di rigore, ma nella ripresa ci ha pensato il solito Higuain a riportare in vantaggio i bianconeri. Ovviamente scuro in volto l'allenatore dell'Inter Antonio Conte ai microfoni di SkySport, dove ha analizzato la sua prima sconfitta in Serie A sulla panchina nerazzurra.

Penso che l'infortunio di Sensi lo abbiamo pagato nel momento in cui lui è uscito perché abbiamo perso il filo del discorso. Nel secondo non abbiamo iniziato bene però penso che l'incontro si sia equilibrato. Potevamo segnare noi come la Juventus. Hanno fatto gol loro, sicuramente anche in questa partita hanno mostrato tutta l'artiglieria pesante che hanno, l'intelligenza nel saper gestire questo tipo di incontri. Niente da dire ai ragazzi, hanno dato tutto. Noi a differenza loro abbiamo tanta strada da fare. Nella gestione, nell'esperienza, nel capire i momenti. Su questo dobbiamo crescere e non poteva essere altrimenti. Comunque orgoglioso, partita equilibrata. Ho visto le statistiche. Hanno fatto valere la molta più esperienza e la caratura di grande squadra che la Juventus ha in questo momento. Complimenti a loro, noi continueremo a lavorare.

Serie A, Inter-Juve: le parole di Antonio Conte

La seconda domanda è sul fatto che questa sia forse la partita che non avrebbe mai voluto perdere. Conte risponde così:

In che senso? Una partita importante, contro una squadra molto forte. Nelle mie esperienze passate quando ho giocato contro la Juventus ho sempre perso. Prima mi è capitato con Arezzo e Atalanta, oggi mi è capitato con l'Inter.

Qualche rammarico per gli errori commessi in difesa?

Sicuramente potevamo fare molto meglio, anche nei due gol presi a Barcellona si poteva fare molto meglio. Ribadisco che questo è un percorso di crescita con dei ragazzi che a livello di esperienza e di tutte le situazioni in questo momento, stanno lavorando tanto. Abbiamo bisogno di lavorare e non ci sono scorciatoie. Non ci dobbiamo paragonare alla Juventus, loro sono di un'altra categoria sotto tutti i punti di vista. Noi abbiamo iniziato a lavorare per diminuire un gap importante. Siamo stati bravi nelle 6 partite precedenti a vincere, ma sempre portando la macchina a 200 all'ora. Sappiamo che per vincere dobbiamo andare così e faremo questo.

Qualcosa non ha funzionato con Lautaro e lukaku?

Sicuramente nella finalizzazione potevamo fare qualcosa di meglio. Però la squadra ci è arrivata, ha prodotto. Le statistiche parlano di una sfida molto equilibrata, nonostante sulla carta non lo siano le due squadre.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.