NBA: Davis mostruoso, i Lakers rovinano l'esordio dei Warriors

I Lakers strapazzano i Warriors nel loro esordio al Chase Center, grazie alle prove monumentali di Davis e James che sembrano già carichi.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La presason NBA è partita già con le marce più alte di quello che sarebbe stato lecito aspettarsi e se l’estate per i giocatori è il classico momento per puntellare il proprio gioco e il proprio fisico, c’è chi come James Harden è arrivato a scrivere un altro capitolo della rivoluzione tecnica inserendo il tiro da tre punti su un piede solo. Dopo lo step back, l’evoluzione dello Euro Step siamo al tiro del fenicottero dall’arco. Vedremo quanto e soprattutto come lo userà.

Non c’era ovviamente attesa solo per James Harden e gli NBA Global games in India in questa prestagione, perché il calendario aveva il classico circoletto rosso su una partita della scorsa notte. I Los Angeles Lakers andavano a far visita ai Golden State Warriors, sempre privi di Klay Thompson, al nuovo Chase Center per inaugurare il palazzetto e una stagione che si presuppone di riscatto per i colori gialloviola, alla ricerca di una nuova corsa al titolo.

In campo c’erano entrambe le stelle, infatti sia Anthony Davis che LeBron James non solo erano sul parquet, ma hanno anche interpretato la partita come se fosse una vera contesa, quasi da regular season. Ovviamente i minutaggi sono stati gestiti per evitare spiacevoli sorprese (soprattutto considerata la tendenza all’infortunio di Davis), ma le prestazioni dei due leader sono state notevoli.

NBA: Warriors arrugginiti, James essenziale

I Lakers guastano la prima uscita nella nuovissima struttura per i Warriors, che sono sembrati ovviamente un po’ arrugginiti, così come Steph che nel primo quarto ha provato un arresto e tiro nel traffico un metro dopo la metà campo dimostrando ancor più confidenza del passato, ma anche un tiro che è finito a un metro dal ferro. La seconda bocca da fuoco D’Angelo Russell ha portato un po’ d'iniziativa ma solo 4 punti alla causa di Kerr, anche se ovviamente il problema è sembrata la difesa. La coppia di stelle avversarie è stata piuttosto indigesta, perchè i Warriors si accoppiano piuttosto male con loro.

Se Davis merita un capitolo a parte, anche LeBron James ha creato non pochi problemi vicino a canestro con la sua potenza, non disdegnando ovviamente qualche scorribanda nel pitturato di puro dominio fisico. Sono 15 punti in 17 minuti per il re che ha voluto mandare un messaggio piuttosto chiaro assieme al nuovo compagno dicendo:

Anche se è preseason noi quest’anno ci siamo e facciamo sul serio.

E forse questo messaggio così chiaro non era atteso dai padroni di casa.

Prima partita da Laker per Davis
James e Davis le stelle dei Lakers

Davis già in forma regular season (forse troppo)

La prestazione di Anthony Davis da 22 punti e 10 rimbalzi in soli 18 minuti di utilizzo testimonia l’incredibile voglia del giocatore di riscattare l’ultima annata che ha portato solo problemi, tante parole e pochissimo basket giocato. L’approccio di AD alla partita è stato veemente sin dalle prime battute e in alcuni casi quasi esagerato con urli belluini su un paio di schiacciate che non saremmo necessariamente abituati a vedere all’inizio di ottobre da una stella del suo calibro.

La voglia di giocare e dimostrare di essere quello della penultima stagione ai Pelicans, sarà il propellente della stagione sia dei Lakers che di Davis, il quale sarà l’ago della bilancia per questa franchigia in base a quanto e se riuscirà a stare lontano dagli infortuni dando il proprio contributo sera dopo sera. La sua presenza in campo è imprescindibile per i gialloviola, non solo ovviamente per il suo talento, ma anche per la distribuzione dello sforzo che dovrà mettere in campo LeBron James. Se la squadra di Vogel vorrà davvero giocarsela fino in fondo per il titolo NBA quest’anno dovrà sapersi gestire al meglio nelle proprie stelle, che però nell’esordio hanno dimostrato una voglia sopra le righe.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.