Chelsea, Pulisic continua a non giocare: a gennaio può già partire

Acquistato per 64 milioni di euro e accolto come erede di Hazard, l'americano sembra avere perso posizioni nelle gerarchie di Frank Lampard e potrebbe chiedere la cessione già nel calciomercato di gennaio.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Unico vero acquisto dell'ultimo calciomercato del Chelsea - l'operazione fu definita a gennaio, prima del blocco imposto dalla FIFA - l'americano Christian Pulisic era arrivato a Londra circondato da enormi aspettative e da un investitura pesante, quella che lo definiva come erede di Eden Hazard: il belga, 110 gol in 352 partite nelle 7 stagioni passate a Stamford Bridge, aveva salutato per accasarsi al Real Madrid e c'era la ferma convinzione tra dirigenti e tifosi dei Blues che a rimpiazzarlo sarebbe stato proprio l'attaccante prelevato dal Borussia Dortmund per 64 milioni di euro.

A distanza di quasi due mesi dall'inizio della stagione 2019/2020, il Chelsea si trova a fare i conti con una partenza che si è rivelata più difficile del previsto: nona in Premier League, una sconfitta e una vittoria nel girone di Champions League, la squadra stenta ancora a trovare una sua identità definita e il manager Frank Lampard, scelto come erede di Sarri, continua a ruotare gli uomini a disposizione alla ricerca dell'undici ideale per inseguire gli obiettivi indicati da una dirigenza che nonostante il mercato bloccato non ha intenzione di vivere un'annata anonima.

Le ultime scelte operate da Lampard sembrano però indicare già un escluso eccellente: si tratta proprio di Pulisic, in panchina nelle ultime tre giornate di Premier League così come nell'esordio di Champions contro il Valencia, gara a cui è seguita la sfida vinta con il Lille in cui l'americano è finito addirittura in tribuna. Scelte che evidenziano come nelle gerarchie del manager dei Blues quello che doveva essere l'erede di Hazard abbia perso diverse posizioni, una situazione che secondo il Daily Mail potrebbe spingerlo a chiedere la cessione già nella prossima finestra di mercato che si aprirà a gennaio.

Frank Lampard
Il manager del Chelsea Frank Lampard sembra avere escluso Pulisic dai suoi piani: nelle ultime 5 partite dei Blues l'americano è sceso in campo soltanto in Coppa di Lega.

Chelsea, dopo due mesi Pulisic è già un caso: cessione in vista a gennaio?

Chi conosce Pulisic racconta di come l'ex Borussia Dortmund sia più che determinato a lottare per guadagnarsi un posto in prima squadra e un ruolo da protagonista nel Chelsea che verrà, ma che se da parte di Lampard non dovessero arrivare segnali di fiducia almeno minimi allora il 21enne americano sarebbe pronto a spingere per lasciare Londra a distanza di appena 6 mesi dal suo arrivo. Nelle ultime 5 partite all'attaccante sono stati concessi appena 90 minuti, quelli contro il modesto Grimsby Town nel terzo turno di Coppa di Lega: una gara vinta 7-1 dalle seconde linee dei Blues in cui è arrivato anche un assist per Batsuhayi.

Una prestazione evidentemente non sufficiente a far cambiare idea al manager, che tuttavia butta acqua sul fuoco spiegando che si tratta semplicemente di scelte, quelle che il suo ruolo gli impone di fare e che devono essere fatte per il bene della squadra e non del singolo. Scelte che in effetti fino ad oggi hanno pagato a metà: senza Pulisic in campo il Chlesea ha vinto tre gare - Wolverhampton, Brighton e Lille - e ha perso contro Valencia e Liverpool. 

Chiuso dagli esperti Willian e Pedro ma anche dai giovani Mount e Hudson-Odoi, Pulisic non ha nascosto la sua frustrazione: arrivato per spaccare il mondo, si trova ai margini della rosa e non ha alcuna intenzione di passare l'intera stagione in panchina. Ecco perché la cessione a gennaio, in prestito o addirittura definitiva, non sembra impossibile al momento. Interrogato sulla questione, Lampard ha però smorzato decisamente i toni.

Gli ho parlato prima della partita contro il Grimsby e sono stato molto chiaro rispetto agli standard che mi aspetto da lui, gli ho detto che ha cambiato Paese e campionato. Ha appena compiuto 21 anni, è giovane, per cui penso che tutti quanti dovrebbero darsi una calmata sull'argomento dato che finora è sceso in campo come titolare per 5 partite. Quello che può e deve fare è lavorare giorno dopo giorno, lavorare per dimostrare a tutti che merita di giocare. Come del resto fanno tutti.

In effetti la concorrenza in attacco non è da sottovalutare: il Chelsea dispone di tanti buoni giocatori nel ruolo di Pulisic, che forse si aspettava una maggiore considerazione e invece dovrà lottare per guadagnarsi una maglia da titolare.

Ho buoni giocatori e tutti hanno una storia: Pulisic è costato tanto, Barkley e Mount giocano in Nazionale. Hudson-Odoi ha appena firmato un nuovo contratto, la scorsa estate il Bayern Monaco voleva comprarlo. Anche lui gioca con l'Inghilterra, cosa che accadrà anche a Loftus-Cheek non appena tornerà. Non posso mandarli tutti in campo, purtroppo fa parte del gioco. Tutto ciò che chiedo loro è che si impegnino in allenamento per dimostrarmi di meritare di scendere in campo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.