Assist e calciatore totale: così Luis Alberto si è ripreso la Spagna

Il centrocampista della Lazio convocato dal ct della Spagna Moreno per i doppi impegni contro Norvegia e Svezia. Prima e ultima presenza con la Roja l'11 novembre 2017.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Tra i tanti assist dispensati per i suoi compagni dall'avvio della stagione (ben 5 in 7 partite giocate tra Serie A ed Europa League), il più importante l'ha servito al ct della nazionale spagnola Robert Moreno. Luis Alberto Romero Alconchel, per tutti Luis Alberto o più semplicemente il numero 10 della Lazio, è stato inserito nell'elenco dei convocati della Roja per la doppia sfida contro Norvegia e Svezia, tappe decisive per la qualificazione a Euro 2020. La chiamata con la Spagna gli mancava dal novembre 2017. Quasi due anni senza.

L'ultima e unica volta che il trequartista biancoceleste aveva giocato con la maglia della sua nazionale risaliva infatti all'11 novembre 2017. Il selezionatore dell'epoca, Julen Lopetegui, gli riservò un quarto d'ora in occasione della partita vinta per 5-0 contro il Costa Rica. Da quella data, Luis Alberto era rimasto fuori dai giochi e dai piani tecnici.

Primo giocatore della Serie A ad andare in doppia cifra per numero di reti e assist nella stagione 2017/2018, dalla scorsa stagione Luis Alberto ha avviato un percorso di maturazione tattica che l'ha portato dalla trequarti alla mediana. Interno di qualità nel 3-5-2 di Simone Inzaghi, fase finale di una ripartenza di carriera che ha radici lontane: nell'inverno 2016, mentre a Roma non trovava spazio, aveva addirittura pensato al ritiro. Idea accantonata grazie al sostegno dello stesso Inzaghi e del ds della Lazio Igli Tare, riferimenti immancabili nella sua quotidianità alla pari della moglie Patricia e della loro figlioletta Martina, sempre presenti allo stadio Olimpico.

Lazio, Luis Alberto in azione nel 4-0 al Genoa del 29 settembre
Lazio, Luis Alberto in azione nel 4-0 al Genoa all'Olimpico

Luis Alberto, gioia Spagna: in stagione è secondo solo a De Bruyne per passaggi vincenti

Arretrando il suo raggio d'azione di qualche metro, nei mesi Luis Alberto ha perfezionato la capacità di lanciare in profondità i suoi attaccanti - su tutti Immobile, premiato nel 2-0 dello scorso 22 settembre contro il Parma - e ha meno possibilità di trovare difensori avversari pronti a "massaggiargli" le caviglie, come spesso accade sulla trequarti. Nella sfida di Europa League contro il Rennes, il suo ingresso e quello di Milinkovic-Savic hanno cambiato volto a una Lazio passata in svantaggio e capace di rimontare per il 2-1 finale. L'assist vincente per il serbo è stato il quinto in stagione: esaminando le squadre dei cinque principali campionati europei (Serie A, Liga, Premier League, Bundesliga e Ligue1) solo il belga Kevin De Bruyne del Manchester City ha fatto meglio ma in una Premier League che ha 90 minuti in più giocati all'attivo. Che sia da interno o da rifinitore, Inzaghi non sa più fare a meno di lui: Bologna sarà la prossima tappa per migliorarsi ancora. Prima di riabbracciare quella maglia Roja a quasi due anni dall'ultima volta. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.