Champions League, le pagelle di Barcellona-Inter: Suarez arma letale

Due perle di Suarez annullano una grande prestazione dell'Inter. La squadra di Conte domina il primo tempo, ma non sfrutta diverse occasioni e nella ripresa il Barça la punisce.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Cade l'Inter al Camp Nou, perde contro il Barcellona, ma quanta amarezza per un primo tempo dominato e che poteva essere chiuso con un risultato più largo. La prima frazione della squadra di Conte è una meraviglia, le linee sono strette, gli esterni permettono ai centrali di stringersi e creare densità centralmente non lasciando spazio ai fraseggi stretti del tridente blaugrana e soprattutto le ripartenze sono veloci, ficcanti, orchestrate da una coppia d'attacco capace di abbinare velocità e tecnica. L'Inter così fa subito male al Barça, un rimpallo favorisce Lautaro che s'invola verso la porta di Ter Stegen, tiene il confronto fisico con Lenglet e poi in scivolata piazza un diagonale perfetto che non lascia possibilità d'intervento al portiere tedesco, insaccando il suo primo gol in questa Champions League. Il Barcellona tiene il pallone, ma pericoli dalle parti di Handanovic non ne crea.

Il Camp Nou invece trema più volte: intanto quando a Candreva viene annullato per fuorigioco (giusto) lo 0-2, poi quando al termine di un'azione spettacolare è Barella a concludere da pochi passi, ma un intervento provvidenziale di un difensore salva Ter Stegen. Non finisce qua. Però. Altra ripartenza e altra occasione, ma la conclusione a giro di Sensi finisce alta di poco. Ter Stegen, poi, è miracoloso sul colpo di testa di Lautaro. Si va a riposo dunque con l'Inter in vantaggio e forse pure con l'amaro in bocca perché lo scarto sarebbe potuto essere più ampio. 

Il Barcellona entra in campo con spirito diverso però e il cambio di marcia lo dà anche Valverde che toglie un pessimo Busquets e inserisce Vidal ridisegnando i suoi con il 4-2-3-1. E la musica cambia perché i padroni di casa cominciano a premere alto, a schiacciare gli avversari nella loro trequarti e un'azione insistita di Messi trova sbocco su Suarez che con un destro al volo in girata meraviglioso non lascia scampo ad Handanovic. Conte risponde con Gagliardini al posto di Sanchez, ma un'altra giocata super di Suarez fa ancora male alla difesa dell'Inter e porta la partita dalla parte del Barcellona. Negli ultimi minuti i nerazzurri non ripartono più e così i blaugrana possono portare a casa tre punti importantissimi in ottica qualificazione. Qualificazione che ora l'Inter si giocherà nelle due gare contro il Borussia Dortmund. 

Champions League, Messi punta Skriniar
Champions League, le pagelle di Barça-Inter

Champions League, le pagelle di Barcellona-Inter

Barcellona (4-3-3): Ter Stegen 6,5; Sergi Roberto 6, Piqué 6, Lenglet 5,5, Semedo 6; de Jong 6, Busquets 5 (52' Vidal 7), Arthur 6; Messi 6,5, Suarez 7,5, Griezmann 5,5 (65' Dembele 6). All. Valverde 7

Inter (3-5-2): Handanovic 6; Godin 5,5, de Vrij 6,5, Skriniar 6; Candreva 6 (70' D'Ambrosio 5,5), Barella 6,5, Brozovic 5,5, Sensi 6,5 (78' Politano sv), Asamoah 6; Lautaro 7, Sanchez 6 (65' Gagliardini 5,5). All. Conte 6

I migliori 

Barella 6,5

Gioca una partita intensa, coraggiosa e che avrebbe meritato il premio del gol a cui va vicinissimo nel primo tempo. Lotta su ogni pallone, con i suoi strappi mette in difficoltà il centrocampo compassato del Barcellona. Non si fa condizionare dall'ammonizione, spinge sull'acceleratore fino all'ultimo, ma non basta.

Lautaro 7

Gioca una grande partita l'argentino che, tempo fa, era stato accostato proprio al Barcellona. L'aria del Camp Nou lo esalta e dopo un minuto trova un grande gol, vincendo il confronto fisico con Lenglet e poi battendo Ter Stegen con un diagonale perfetto. Il portiere tedesco gli nega il raddoppio con una parata da fuoriclasse, nella ripresa deve mordere un po' il freno perché l'Inter si abbassa e perché le energie spese sono state tante, ma è sempre un pensiero inquietante per la coppia centrale del Barcellona. 

Vidal 7

Entra e cambia il volto del Barcellona. Valverde azzecca il cambio, toglie Busquets e butta dentro l'ex Juve che interpreta la partita alla sua maniera, cioè mettendoci cattiveria, agonismo, intensità. Alza la linea di pressing dei suoi, va a ringhiare su Brozovic e non gli lascia più spazio per ragionare e impostare. Il suo ingresso è la svolta del match e forse della Champions del Barcellona. 

Suarez 7,5

Non si vede e non si sente fino al 58' quando si stacca dalla linea dei difensori dell'Inter e sull'assist di Messi s'inventa un gol da fenomeno: girata di destro al volo dal limite dell'area, un missile che s'infila all'angolo alla sinistra di Handanovic senza lasciare spazio all'intervento. Poi si eclissa di nuovo e rieccolo a cinque minuti dal termine con un'altra super giocata: controllo orientato a tagliar fuori Godin e rasoterra letale. Due giocate stellarei capaci di indirizzare la partita. Se non è un campione questo...

I peggiori

Busquets 5

In costante difficoltà, un rimpallo lo sfavorisce in occasione del vantaggio dell'Inter. Lento, compassato, quando i nerazzurri ripartono lo mettono spesso in mezzo e lui non riesce a trovare le misure per reagire ed uscirne. Sembra condizionare negativamente anche de Jong. Esce lui e il Barcellona comincia un'altra partita. Non può essere un caso. 

Griezmann 5,5

Si parla tanto del suo rapporto non idilliaco con Messi (soprattutto) e Suarez e i due in effetti lo cercano veramente poco. Gioca defilato a sinistra, ruolo che non ama, si vede perché non entra mai nel vivo della manovra offensiva del Barça. Ha una palla buona nella ripresa, sull'1-1, ma calcia sull'esterno della rete. È di fatto l'unico spunto del suo match. Impalpabile. 

Godin 5,5

Fa una partita attenta, cerca di tenere la posizione e non lasciar spazio a Griezmann che si muove dalle sue parti. Poi, però, Valverde cambia l'assetto del Barça e quando i blaugrana alzano la pressione e i ritmi ecco che lui va un po' in affanno. Ma l'errore grave è l'uscita intempestiva su Suarez in occasione del 2-1. Altrimenti la prova sarebbe stata sufficiente. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.