Sorpresa: il Real Madrid viaggia alla stessa media dell’anno del doblete

I Blancos sono l'unica squadra della Liga a non aver ancora perso nemmeno una partita e guidano la classifica con gli stessi punti che avevano nella stagione 2016-17.

Zidane Real Madrid

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il pareggio gli stava stretto e nella conferenza stampa dopo il match contro l'Atletico Madrid al Wanda Metropolitano, Zinedine Zidane non faceva nulla per nasconderlo. Certo un derby è sempre un derby e in fondo anche per il Real Madrid uscire imbattuto dal campo dei Colchoneros rimane pur sempre un buon risultato, ma Zizou aveva l'amaro in bocca:

No, non sono contento, perché per come abbiamo giocato avremmo meritato di più. È davvero un peccato non aver vinto. In ogni caso non posso rimproverare nulla ai miei giocatori: in campo siamo stati superiori e i ragazzi negli spogliatoi erano dispiaciuti per non aver conquistato la vittoria. 

Gentile e cortese, come sempre del resto, ma fermo. E con una vena di incredulità. Sì, perché si vede che al tecnico francese qualcosa proprio non va giù. E non è solo la vittoria mancata al Wanda. In carriera ne ha viste tante, da giocatore e da allenatore, ma dopo 3 Champions League e 9 trofei complessivi vinti in due anni e mezzo di panchina, non pensava di essere messo in discussione dopo un buon avvio di stagione, anche se non proprio, forse, da fuochi artificiali.

Real Madrid gol Benzema
La vittoria di Siviglia può essere quella della svolta

Real Madrid: stessa media dell’anno del doblete

Ma, in fondo, di che cosa stiamo parlando? Il Real Madrid è capolista solitario della Liga, unica squadra imbattuta nel massimo campionato spagnolo dopo 7 turni, ha una differenza reti più che dignitosa con 12 gol segnati e 6 subiti, quando dietro, e non facciamo nomi, ci sono rivali che hanno lasciato l'intera posta già due volte. Questo sembrano dire i suoi occhi, come a formare un grande punto interrogativo. Vero anche che il 3-0 subito al Parco dei Principi nella prima di Champions League è una macchia che ci vorrà del tempo per asciugare, ma siamo a inizio stagione, qualche sbavatura ci può stare e pazienza se qualcuno ha arricciato il naso. Ora però, col Bruges è assolutamente vietato sbagliare, sia chiaro.

Intanto comunque Zizou può godersi le statistiche che dicono che in Liga il Real sta marciando alla stessa media della stagione 2016-17, quella in cui centrò il doblete campionato-Champions, e che comunque ha già un punto in più rispetto alla stagione scorsa. Il nodo, forse, la partita del Pizjuán: persa l'anno passato e vinta la settimane scorsa. Che la Liga dovesse tornare a essere un obiettivo della Casa Blanca, il tecnico francese lo aveva detto nei giorni del suo ritorno:

L'anno prossimo la Liga dovrà essere il primo obiettivo, certo. Abbiamo 33 titoli e il Barcellona quanti ne ha? Certo ultimamente loro stanno andando bene, dobbiamo riconoscerlo e congratularci con loro. Ma nella storia il Real Madrid ha molti più titoli.

In effetti la storia dice che i Blancos guidano 33 a 26 sul Barça, ma nel terzo millennio la vocazione alla globalizzazione di Florentino ha portato il club a puntare più sulla ribalta europea che sull'orticello di casa, tanto che negli ultimi 20 anni i Blaugrana hanno vinto 10 titoli spagnoli contro i 6 del Real. Zizou, insomma ha tracciato la strada: "Non facciamoci raggiungere".

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.